in

Vaccino anti-Covid: il capo della BioNtech parla della terza e quarta dose

Ugur Sahin, capo della BioNtech, in un’intervista rilasciata al tedesco Spiegel, ha parlato di una terza dose del vaccino anti-Covid già dopo 3 mesi e di una quarta a partire dall’estate contro la variante Omicron. Quindi 2 dosi non bastano, 3 proteggono anche contro la Omicron, mentre la quarta sarà disegnata su misura per la nuova mutazione. Se il virus è destinato a diventare endemico, l’appuntamento col vaccino potrebbe diventare fisso. (Continua a leggere dopo la foto)

vaccini Covid

Il capo dell’azienda farmaceutica di Magonza ha dichiarato allo Spiegel: “Guardando ad Omicron, due dosi non rappresentano ancora una vaccinazione completa, dotata di una protezione sufficiente”, sottolineando la necessità di una terza e quarta dose vaccinale. (Continua dopo la foto)

La terza dose di vaccino dopo 3 mesi

Ugur Sahin  ha aggiunto: “Se la variante, come appare, si diffonderà ulteriormente, sarebbe sensato dal punto di vista scientifico offrire una terza dose già dopo 3 mesi”. La dose booster a 3 mesi dalla seconda è già prevista in Gran Bretagna e altri Paesi potrebbero seguire il suo esempio, tenendo il considerazione il calo di efficacia del vaccino nel tempo.

In proposito, proprio ieri, l’EMA (Agenzia europea per i medicinali)  aveva  fatto sapere che la terza dose può essere somministrata in modo sicuro ed efficace già 3 mesi dopo l’ultima iniezione.

Il responsabile delle strategie di vaccinazione dell’Ema ha dichiarato che, sebbene la raccomandazione fosse, finora, di somministrare la dose di richiamo dopo 6 mesi, i dati attualmente disponibili supportano la somministrazione sicura ed efficace  di una dose di richiamo 3 mesi dopo il primo programma di vaccinazione completo.

Terza dose di vaccino Covid: quando va fatta e quali sono gli effetti indesiderati

Quarta dose vaccino anti-Covid già dall’estate

Il manager di BioNtech, partner di Pfizer nella realizzazione del vaccino anti-Covid, usato in tutto il mondo, prevede la necessità di una quarta dose a partire dall’estate. Si tratterebbe di un vaccino adattato alla variante Omicron. Sahin annuncia, per il prossimo anno, la produzione di almeno 4 miliardi di dosi o anche più.

La variante Omicron, dice, potrebbe naturalmente essere seguita da altre mutazioni e sarà possibile produrre contemporaneamente diversi tipi di vaccino. “Non è un problema, dal punto di vista tecnico ci riusciremo, se sarà necessario.Sono fiducioso che troveremo una soluzione praticabile che ci aiuti ad avere una presa efficace sulla pandemia”, conclude Ugur Sahin.

Seguici sul nostro canale Telegram

meteo weekend pioggia e neve 10-11-12 dicembre 2021

Meteo weekend, forte maltempo con pioggia, neve e forti venti: le previsioni

Covid bollettino 10 dicembre 2021

Covid oggi impennata di casi (20.497) e decessi (118), salgono a 7.300 i ricoverati con il virus