in

Al Cardarelli di Napoli operazione salvavita su una donna: rimosso tumore di 20 kg

Un’impresa straordinaria, lodevole. Al Cardarelli di Napoli i medici hanno portato a termine un intervento record. Un’operazione che ha permesso ai chirurghi del Centro Trapianti di Fegato e Chirurgia Oncologica di rimuovere ad una donna di 64 anni una massa tumorale di circa 70 centimetri di diametro e 20 chili di peso. La paziente ora può tirare un sospiro di sollievo.

leggi anche l’articolo —> Pisa, terapia intensiva aperta ai familiari dei pazienti Covid: «Per umanizzare le cure»

Cardarelli Napoli

Intervento record al Cardarelli di Napoli: rimosso tumore di 20 kg ad una donna di 64 anni

I medici hanno asportato un tumore enorme, di 70 centimetri di diametro e ben 20 chili di peso, a Luisa Cicatiello, una paziente di 64 anni. L’intervento «salvavita», di cui hanno scritto “Fanpage” e “Napoli Today”, è stato effettuato all’ospedale Cardarelli dai chirurghi del Centro Trapianti di Fegato e del reparto di Chirurgia Oncologica. Lo staff sanitario ha pianificato la delicata operazione la scorsa settimana, dopo che alla paziente era stato diagnosticato il tumore. Si trattava di una massa addomino-pelvica importante. La signora, residente a Firenze da anni, ma originaria della Campania, non ci ha pensato due volte: si è recata al Cardarelli, dove si è messa nelle mani dei medici, che hanno fatto il possibile per operarla in tempi brevi.

Cardarelli Napoli

«Tutto è andato nel migliore dei modi, ora dovremo vedere cosa ci dirà l’esame istologico»

«La paziente era molto spaventata dal Covid, per questo ha rinunciato ad ogni tipo di controllo, nonostante i sintomi. Nei mesi il gonfiore è aumentato sempre più, sino a quando la donna si è finalmente convinta ad andare dal ginecologo», ha spiegato il direttore del Reparto Chirurgia Epatobiliare e Trapianto di Fegato, Giovanni Vennareci. È lui che ha portato a compimento l’intervento insieme ai chirurghi Giuseppe Arenga e Donatella Pisaniella. «Tutto è andato nel migliore dei modi, ora dovremo vedere cosa ci dirà l’esame istologico», ha precisato Vennareci.

Un’operazione che riempie di orgoglio il Cardarelli di Napoli: «L’esempio di un’attività straordinaria che non si è mai fermata nonostante la pandemia. Il Cardarelli è infatti un’azienda ospedaliera di riferimento a livello regionale e nazionale. Un’azienda che non ha mai smesso di erogare prestazioni in emergenza-urgenza neanche nei giorni più duri della pandemia», ha commentato il direttore generale Giuseppe Longo. Leggi anche l’articolo —> Medici morti Covid a Napoli: addio a Cosimo e Paola, marito e moglie

Gitanjali Rao, la prima “Kids of the Year” del “Time”: «Voglio risolvere i problemi del mondo»

Una macchina per l’autodiagnosi del tumore al seno: l’invenzione della giovane ricercatrice