in

Carlo Nordio, carriera e vita privata: tutto sul candidato Presidente indicato da Fdi

Carlo Nordio è nato a Treviso il 6 febbraio 1947 ed è un ex magistrato italiano. Nella prima giornata di votazioni per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica, la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha proposto proprio Nordio come candidato. Anche se non ha un passato da politico, come ha dichiarato la Meloni, Carlo Nordio è uomo dalla specchiata ed importante carriera al servizio delle istituzioni. (Continua a leggere dopo la foto)   

Carlo Nordio Quirinale

La carriera da magistrato di Carlo Nordio

Carlo Nordio ha iniziato la sua carriera come magistrato nel 1977. Ha ricoperto la carica di procuratore aggiunto di Venezia ed è stato il titolare dell’inchiesta sul Modulo Sperimentale Elettromagnetico (Mose) ovvero, un sistema di dighe mobili, finalizzato alla difesa della città di Venezia e della sua laguna dal fenomeno dell’acqua alta. Troviamo il suo nome, nella celebre inchiesta sulle cooperative rosse. Nordio è stato considerato inoltre, uno dei protagonisti di “Mani Pulite“: le famose inchieste giudiziarie condotte in Italia nella prima metà degli anni novanta da parte di varie procure che avevano rivelato il sistema corrotto che coinvolgeva la politica e l’imprenditoria.

Spinto dal suo spirito di giustizia, negli anni ottanta l’ex magistrato ha condotto le indagini sulle Brigate rosse venete e sui sequestri di persona. Negli anni novanta lo ricordiamo ancora per aver indagato sui reati di Tangentopoli. Bisogna aggiungere alle alte cariche cha ha ricoperto Carlo Nordio anche quella di consulente della Commissione Parlamentare per il terrorismo e quella di presidente della Commissione Ministeriale per la riforma del codice penale. Ha concluso la sua carriera come procuratore aggiunto della Procura di Venezia. Il suo ultimo giorno di servizio è stato nel 2017 al compimento dei suoi settant’anni.

Quirinale, Giorgia Meloni: “No a Mattarella bis”, poi fa il nome di Carlo Nordio

Collaborazioni, opere e vita privata dell’ex Magistrato

L’ex magistrato ha collaborato con numerose riviste giuridiche e anche con molti quotidiani. Ricordiamo delle sue pubblicazioni sul Il Tempo, Il Messaggero e il Gazzettino.  Attualmente collabora ancora con Il Messaggero e dal 5 dicembre del 2018 è componente del consiglio di amministrazione (CdA) della Fondazione Luigi Einaudi Onlus.

Tra le opere pubblicate da Carlo Nordio ricordiamo: Emergenza Giustizia (1999), Crainquebille di Anatole France(2002), la collaborazione con Giuliano Pisapia ex deputato e sindaco di Milano, In attesa di giustizia, Dialogo sulle riforme possibili(2010), Operazione Grifone (2014), Overlord (2016) e la stagione dell’Indulgenza (2019). Sono tutte opere che rispecchiano a pieno la personalità dell’ex magistrato e che hanno in comune lo stesso scenario: la giustizia.

L’ex magistrato Carlo Nordio, anche e ovviamente per la sua professione ha sempre tenuto la sua vita privata e sentimentale lontano dalle telecamere. Infatti non sono disponibili notizie né sul suo matrimonio né sui suoi figli.

Giorgia Meloni: “Pare difficile che si possano muovere obiezioni su Carlo Nordio”

Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, ha fatto il nome di Carlo Nordio come possibile candidato alla carica di presidente della Repubblica. Non ha avuto un passato politico, ma è sicuramente una figura di grande rilievo e un servitore dello Stato senza macchia. In magistratura ha lottato per portare alla luce la verità in ogni sua inchiesta.

Carlo Nordio è un uomo che nella sua carriera ne ha viste tante. Un uomo dal pugno duro capace di andare in fondo nelle cose e di essere decisivo quando serve. Bisognerà attendere per capire se il nome di Carlo Nordio rientrerà tra gli ultimi nomi che concorreranno per la presidenza al Quirinale, ma senza dubbio la mossa di Giorgia Meloni potrebbe essere apprezzata da una platea ben più ampia dei grandi elettori di Fdi.

Seguici sul nostro canale Telegram

draghi quirinale

Giorni faticosi per Draghi, ora anche l’«Economist» frena la sua corsa al Colle: la frase rubata

regioni covid

Covid in Italia, verso l’addio del sistema dei colori: potrebbe restare solo la zona rossa