in

Castelfranco Veneto, esondazione torrente mette a rischio ospedale e casa di riposo

Il maltempo abbattutosi nelle scorse ore sul Nord Italia ha seminato paura a Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, dove l’esondazione del torrente Avenale ha preoccupato la popolazione. La piena straordinaria dell’affluente del Muson Sassi ha mobilitato squadre di volontari, al lavoro per cercare di limitare i danni. L’esondazione del torrente ha provocato l’allagamento della piazza di Castelfranco, e sono giunte segnalazioni anche dall’ospedale e dalla vicina casa di riposo.

Leggi anche >> Val Seriana, grandinata eccezionale nei comuni piegati dal coronavirus: colpiti Nembro e Alzano

castelfranco veneto esondazione

Castefranco Veneto, esondazione torrente Avenale: situazione preoccupante

L’Assessore alla Protezione Civile della Regione Veneto, Gianpaolo Bottacin, nella tarda serata di ieri, lunedì 8 giugno, si è recato sul posto dove ha spiegato: “Abbiamo inviato decine di volontari che sono all’opera per limitare gli effetti di questa esondazione. Sono in costante contatto con il Presidente Luca Zaia e con il Sindaco Stefano Marcon. La situazione è piuttosto preoccupante, perché i nostri modelli previsionali indicano ancora alcune ore di pioggia intensa”. E ha proseguito: “Al momento, il grosso del lavoro è concentrato sulla difesa della Casa di Riposo e dell’Ospedale castellano e sta dando buoni risultati. Abbiamo però notizia di numerosi scantinati allagati e le squadre di protezione civile rimarranno in attività per tutto il tempo necessario”. “Dal pomeriggio di oggi (ieri, ndr), come previsto – ha riferito l’Assessore – precipitazioni abbondanti stanno interessando pressoché tutto il Veneto, e hanno creato difficoltà nel veronese, nel vicentino, e nella pedemontana trevigiana”.

castelfranco veneto esondazione

Allerta maltempo in tutto il Nord Italia

Non solo il Veneto interessato dal maltempo: anche le zone di Bergamo, Como, Lecco e Varese sono in allerta rossa per rischio idrogeologico. Nel pavese si sono verificate violenti piogge con allagamenti di cantine e garage. Intense piogge anche a Milano, dove rimangono sorvegliati speciali i fiumi Seveso e Lambro dopo l’esondazione delle scorse settimane. Numerose le strade provinciali lombarde invase da acqua e detriti. Nel bolognese, i danni provocati dai temporali hanno generato decine di chiamate ai Vigili del Fuoco con conseguenti interventi. Situazione critica anche in Liguria dove dalla mezzanotte è scattata l’allerta gialla. Il comune di Genova ha avviato le azioni previste dal Piano per la gestione del rischio meteo-idrogeologico. >> Milano, nubifragio nella notte: esondano il Seveso e il Lambro

 

Visualizza questo post su Instagram

 

No, non siamo a Venezia, è la nostra cittadina! #castelfrancoveneto #treviso #italy #Italia #padova #venezia #vicenza #verona #veneto #maltempo

Un post condiviso da Castelfranco Veneto (@castelfrancovenetotv) in data:

Alessia Marcuzzi Instagram: lo slip sparisce tra i glutei, lato B «Stupefacente!»

Fontana mascherine

Report inchiesta camici Lombardia, le contraddizioni e il conflitto d’interessi sull’acquisto dei Dpi