in

Chi è Ryan Gosling: vita privata e carriera dell’attore canadese

Ryan Gosling è un attore canadese noto per i suoi ruoli da protagonista in film come The Notebook, Blue Valentine e Blade Runner 2049. Stasera lo vedremo nel film La La Land con Emma Stone su Rai 3. Ma chi è Ryan e come è diventato famoso?

>> Chi è Emma Stone: vita privata e carriera della protagonista di La La Land

Ryan Gosling

Ryan Gosling: Primi anni e carriera

Nato il 12 novembre 1980 a London, Ontario, Canada, Ryan Thomas Gosling è cresciuto in una famiglia operaia della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni nella città della Cornovaglia. Uno dei film d’azione di Sylvester Stallone si è rivelato una prima influenza sul futuro da attore: «Quando ero in prima elementare ho guardato First Blood, ho riempito il mio kit Fisher-Price Houdini con coltelli da bistecca e li ho portati a scuola e ho iniziato a lanciarli ai bambini durante la ricreazione », disse in seguito Gosling alla rivista di Maclean. È stato sospeso per questa pericolosa rievocazione, ma ha continuato a essere ispirato dai film che ha visto.

Gosling ha avuto la sua prima grande occasione nel 1993 quando si è unito al cast di The Mickey Mouse Club, uno spettacolo di varietà per giovani. Ha cantato, ballato e recitato al fianco di future star come Britney Spears, Justin Timberlake e Christina Aguilera. Dopo che lo spettacolo fu cancellato nel 1995, Gosling iniziò a lavorare ad altre serie televisive. È apparso nella commedia per adolescenti Breaker High dal 1997 al 1998. Successivamente all’età di 17 anni, Gosling si è trasferito a Los Angeles per interpretare il personaggio del titolo nella popolare serie per adolescenti Young Hercules.

Ryan Gosling Hercules

Star del cinema emergente

Per il suo debutto cinematografico, Gosling ha avuto un ruolo secondario nel dramma sportivo Remember the Titans, con Denzel Washington. Il suo primo grande successo cinematografico è arrivato nel 2001 con The Believer. In questo film acclamato dalla critica ha interpretato un neonazista ebreo e ha vinto il Gran Premio della Giuria al Sundance Film Festival.

Tuttavia, il suo film di maggior successo è The Notebook, nel 2004 con Rachel McAdams. Nel 2006, Ryan ha ricevuto dei complimenti per il suo ruolo di insegnante tossicodipendente Dan Dunne in Half Nelson. La performance intensa e commovente gli è valsa una nomination all’Oscar come miglior attore. Sempre pronto ad affrontare ruoli diversi, Gosling ha interpretato un giovane pubblico ministero in Fracture, al fianco di Anthony Hopkins. Ha poi recitato nei panni di un uomo timido e delirante che forma un sincero attaccamento a una bambola nella commedia insolita Lars and the Real Girl. Per la sua interpretazione, Gosling ha ottenuto una nomination ai Golden Globe.

Blue Valentine, Crazy, Stupid, Love e Drive

Con lo sviluppo della sua carriera, Gosling è emerso sia come attore sia come uno dei sex symbol più popolari di Hollywood. Ha dato una forte performance al fianco di Michelle Williams nel dramma indipendente del 2010 Blue Valentine, che ha seguito la spirale discendente di una coppia. L’anno successivo si è rivelato importante per l’attore. Infatti Ryan è apparso in tre tipi di film molto diversi, dalla commedia romantica al dramma politico al thriller tagliente. In Crazy, Stupid, Love, ha interpretato un tranquillo signore che cerca di aiutare un uomo che sta attraversando un divorzio. Passando a un ruolo più orientato all’azione, ha poi recitato in Drive, su uno stuntman che si illumina come pilota di fuga. Quell’autunno, Gosling ha recitato con George Clooney in Le Idi di Marzo, interpretando un addetto stampa intelligente ed esperto di un politico. Continuando a sfidare se stesso e ad affinare la sua arte, l’attore canadese ha recitato con Eva Mendes e Bradley Cooper nel film drammatico The Place Beyond the Pines. Ryan Gosling ha anche interpretato un avvocato che combatte il crimine come Mickey Cohen in Gangster Squad. Il progetto doveva inizialmente uscire nell’autunno del 2012, ma dopo che un uomo armato ha aperto il fuoco su una folla all’interno di un cinema del Colorado, il film è stato ritardato per le revisioni e rinviato a gennaio 2013.

Ryan Gosling The Notebook

The Big Short e La La Land

Ryan Gosling ha fatto il suo debutto alla regia con Lost River del 2014. Il film, che ha anche scritto e prodotto, vede Christina Hendricks nei panni di una mamma single assediata. L’anno successivo ha visto l’attore recitare insieme a Christian Bale, Carell e Brad Pitt in The Big Short. Basato sul best seller di saggistica di Michael Lewis, il film si concentra sulla bolla del mercato immobiliare che ha alimentato il crollo finanziario del 2008 e su un gruppo di uomini che avevano predetto le turbolenze a venire. Il progetto ha ottenuto numerose candidature ai Golden Globe e agli Oscar. Nel 2016, arriva la commedia musicale La La Land, con Emma Stone. Il film si è rivelato un enorme successo, ottenendo 14 nomination all’Oscar da record, tra cui il miglior attore per Gosling, e vincendone sei. Nel 2017 Ryan torna a una tariffa più mainstream con Blade Runner 2049, il sequel del mitico film con Harrison Ford del 1982.

Ryan Gosling Eva Mendes

Ryan Gosling: vita personale e moglie

Gosling è molto impegnato nel sociale. Ha infatti lavorato per promuovere diverse cause sociali, tra cui la ricerca sull’AIDS, la riduzione della povertà e il trattamento umano degli animali. Gli piace inscatolare e fare mobili, un’abilità che ha acquisito durante la realizzazione di The Notebook. L’attore canadese è anche un affermato chitarrista e cantante jazz. Nel corso degli anni, Gosling è stato romanticamente legato a co-protagoniste come Sandra Bullock e McAdams. Dal 2011 è fidanzato con Eva Mendes. Nell’estate del 2014 è arrivata la notizia che stavano aspettando il loro primo figlio. La loro figlia, Esmeralda Amada Gosling, è nata in settembre. Nell’aprile 2016, Eva ha dato alla luce la seconda figlia della coppia, Amada Lee. Nel settembre 2016, US Weekly ha riferito che Gosling e Mendes si sono sposati segretamente all’inizio di quell’anno. >> tutti i Gossip di Urbanpost

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Gerry Scotti

Gerry Scotti è diventato nonno per la prima volta: il nome scelto in suo onore

Paola Cortellesi in “La Befana vien di notte”: «Essere lei vuol dire essere una grande donna»