in

Cile, 21enne muore sbranata da una tigre: era stata lasciata aperta la gabbia

Orrore allo zoo, 21enne sbranata e uccisa da una tigre. Drammatico epilogo, sotto choc le persone che hanno assistito alla scena. La giovane uccisa lavorava al parco Safari Rancagua. L’episodio agghiacciante, riportato tra i tanti da “Caffeina”, si è verificato lo scorso venerdì in Cile. La ragazza è stata dilaniata dalla tigre, forse per un imperdonabile errore: i colleghi non sono riusciti a comunicarle che la porta della gabbia della fiera che stava pulendo era stata lasciata aperta. La vittima si chiamava Catalina Ibarra. Era laureata in ecoturismo, allo zoo svolgeva compiti di pulizia quando si è verificato l’attacco che non le ha lasciato scampo.

leggi anche l’articolo —> Grosseto, uccide la compagna poi confessa: arrestato un 48enne

sbranata tigre

Cile, 21enne muore sbranata da una tigre: era stata lasciata aperta la gabbia

21enne sbranata e uccisa da una tigre in un parco Safari. Un dramma consumatosi in Cile che ha lasciato senza parole i colleghi della giovane Catalina Ibarra. Secondo una delle persone che lavorava con lei, Leonardo Maluenda, probabilmente non le era stato detto che la porta della gabbia della tigre era rimasta aperta. Ai cronisti il collega ha detto «La cosa più logica è che ti dicono di stare attento se vai a pulire lì perché la tigre è libera, ma non l’hanno avvertita». Il referto del medico legale parla di una ferita importante: la donna è stata morsa al collo dalla tigre. Immediatamente è stata aperta un’indagine che dovrà accertare di chi siano le effettive responsabilità di quanto accaduto. Travolto dalle polemiche in questi giorni il direttore amministrativo del parco.

21enne sbranata tigre

L’animale non è stato soppresso: non è chiaro il suo destino

Catalina Ibarra, lo ricordiamo, era incaricata della pulizia e della manutenzione del parco safari, dove lavorava da oltre due anni. Occasionalmente faceva visite guidate alle famiglie. Questo per sottolineare che nessuno dei suoi compiti prevedeva il contatto diretto con gli animali. Per questo motivo l’accusa contro la struttura potrebbe essere di possibile negligenza. La tigre che ha ucciso la 21enne non è stata soppressa. Il suo destino rimane poco chiaro, non è stato reso noto dai gestori del Safari cosa ne sarà della fiera. Leggi anche l’articolo —> Salento, vasto incendio a Porto Badisco: evacuato un villaggio turistico

21enne sbranata tigre

 

inps quarantena

Inps, la quarantena per Covid non è più considerata malattia

incidente a1 arezzo

Auto si ribalta in A1 durante il sorpasso: quattro feriti, code chilometriche