in

Come scegliere una web agency

Quando si ha la necessità di creare o di rinnovare il sito web della propria azienda o della propria attività professionale è indispensabile mettersi in cerca di una web agency che possa offrire tutti i servizi del caso. Ma come si può essere certi di rivolgersi all’agenzia più giusta per le proprie necessità? Ne abbiamo parlato con gli esperti di Easyweb Consulting, azienda specializzata in realizzazione siti web Roma che vanta una straordinaria competenza in questo ambito.

A cosa deve prestare attenzione il potenziale cliente di una web agency prima di decidere di affidarle un incarico?

In primis, sarebbe opportuno che l’agenzia invitasse il cliente a conoscere il team che la compone. Nel momento in cui ci si interfaccia con un’agenzia web, è importante avere la possibilità di interagire con il team nella sua totalità, meglio se direttamente nell’ufficio dell’agenzia e, quindi, di persona. Un incontro faccia a faccia è sempre da preferire, a maggior ragione nel periodo iniziale di gestione di un progetto caratterizzato da un certo livello di complessità.

Qual è il prezzo giusto da pagare a una web agency?

Conviene diffidare di chi propone soluzioni troppo economiche: non ha senso risparmiare quando si costruisce un sito web aziendale, tenendo conto del fatto che esso dovrà essere curato in ogni particolare, visto che rappresenterà la vetrina online dell’attività. Un prezzo eccessivamente basso rischia di tradursi in un livello di qualità modesta: è bene essere consapevoli del fatto che la professionalità ha un costo e, di conseguenza, deve essere pagata come necessario. Per altro, se un sito web è realizzato secondo gli standard desiderati, l’investimento sostenuto per pagarne le spese è destinato a essere ammortizzato in breve tempo.

Che caratteristiche dovrebbe avere il sito in questione?

Il sito deve essere alla moda, caratterizzato da un design attuale: è importante che non sembri vecchio agli occhi di chi lo visita. È necessario essere consapevoli del fatto che con il passare del tempo i design dei siti sono destinati a mutare, un po’ come avviene con gli stili dei capi di abbigliamento: di conseguenza, i siti che appaiono un po’ datati dal punto di vista grafico possono essere visti con diffidenza. Le migliori web agency sono quelle che conoscono le tendenze più recenti in materia di web design e si adeguano ad esse, ovviamente senza che questo faccia venir meno la necessità di riflettere anche l’immagine aziendale.

Quali altri fattori dovrebbero essere presi in considerazione per la scelta di un’agenzia web?

Sarebbe auspicabile che l’agenzia a cui ci si rivolge abbia avuto modo in passato di gestire progetti multilingua o comunque di livello internazionale. Le agenzie migliori sono quelle che sono in grado di gestire con uguale professionalità tanto i progetti internazionali quanto quelli locali. La Rete consente agli utenti di ogni angolo del mondo di trovare un sito web: per questo non bisogna porre limiti alla possibilità di trovare clienti potenziali che provengano anche dall’estero.

L’approccio di una web agency quale dovrebbe essere?

Quando un’agenzia web lavora bene ha la capacità di abbinare un design piacevole a una struttura concentrata sulla conversione da parte di chi visita un sito. Si parla di funnel per indicare il percorso che fa in modo che una visita semplice si trasformi in una conversione. Non ha senso sfoggiare un sito web molto elegante dal punto di vista estetico se poi esso non riesce a convertire. Le web agency da preferire sono quelle che tengono il funnel bene in mente nel momento in cui costruiscono un sito web.

Sito che, ovviamente, oggi non può che essere responsive.

In occasione della progettazione di un sito web, la sua natura responsive è uno dei primi elementi che dovrebbero essere presi in considerazione. I siti responsive sono quelli che sono in grado di adattarsi ai vari dispositivi attraverso cui vengono visualizzati, a prescindere dal fatto che si tratti di un computer, di uno smartphone o di un tablet. Nel caso in cui un’agenzia web proponga un sito concepito unicamente per i dispositivi mobili è meglio rivolgere la propria attenzione altrove. Non si può trascurare la crescita costante dell’uso dei dispositivi mobili: 6 visite su 10 su Internet arrivano dal telefono o dal tablet.

Si può chiedere a una web agency di visualizzare il suo portfolio?

Certo che sì: anzi, sarebbe auspicabile che l’agenzia in questione fosse la prima a mostrare il portfolio di siti per cui ha lavorato e che sono online al momento. Dare uno sguardo al modus operandi e ai risultati ottenuti dai professionisti a cui si ha in mente di affidarsi è il primo passo da compiere in previsione di una scelta consapevole e informata. Ovviamente è bene appurare che i siti in questione siano ancora attivi: se sono offline, c’è qualcosa che non va e conviene rivolgere la propria attenzione altrove.

Che cosa ci si deve aspettare, invece, dal punto di vista del marketing?

In linea di massima una web agency dovrebbe abbinare un dipartimento tecnico a uno dedicato al marketing. È vero che essere in grado di progettare e di mettere a punto un sito web interessante e attraente è importante, ma è altrettanto vero che per avere successo in Rete non si può prescindere da una strategia di marketing ben studiata, perché solo in questo modo è possibile trasformare un visitatore in un cliente.

Infine, come deve essere il rapporto tra il cliente e la web agency?

La web agency deve essere disponibile ad ascoltare le idee del cliente e ad assecondare le sue richieste, ma al tempo stesso deve esporre anche il proprio punto di vista. Un team di professionisti, infatti, ha competenze tali da tradursi in consigli preziosi per il cliente. Insomma, se un’agenzia asseconda tutto quel che le viene detto senza opporre la minima obiezione o comunque dare dei suggerimenti, forse è meglio pensarci due volte prima di affidarle la realizzazione di un progetto.

Tanya Roberts morta

Addio Tanya Roberts, da “Charlie’s Angels” a “Bersaglio Mobile”: fu l’ultima Bond girl dell’era Moore

grease

“Grease” “sessista e omofobo”, bufera sul musical: «Incita allo stupro», scoppia il caso