in

Coronavirus in Italia, i numeri di oggi: -548 positivi, guariti oltre 71mila

Coronavirus dati oggi 29 aprile 2020 (aggiornato alle 18:27). E’ in corso la conferenza stampa della Protezione Civile per l’aggiornamento giornaliero sull’epidemia da Covid-19 in Italia. Ancora un netto calo del numero dei malati: -548 oggi i positivi al coronavirus. In totale i malati in Italia sono 104.657.  Le vittime oggi sono 323, Sicilia, Basilicata e Molise oggi hanno fatto registrare zero decessi. Da inizio emergenza sono 27.682 i morti per coronavirus in Italia. La maggior parte dei malati sono isolamento domiciliare, sono il 83.619. Cala di 68 unità il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva. In calo anche i pazienti ricoverati in degenza Covid-19, – 513. Significativo anche oggi il numero dei guariti, sono 2.311, in totale sono 71.252. (segue dopo la foto)

In Lombardia sono 104 i morti per il coronavirus nelle ultime 24 ore, secondo i dati diffusi dalla Regione. Calano ancora i ricoveri: i posti occupati in terapia intensiva scendono a 634, 21 in meno rispetto a ieri. I ricoveri meno gravi sono -160.

Sono oltre 19mila i contagiati al covid19 in provincia di Milano, 284 in più rispetto a ieri, quando erano stati +278 in più. I positivi al virus in città sono 86, ieri erano aumentati di 149 unità. Milano resta la provincia con il maggior numero di nuovi casi in tutta la Lombardia, secondo i dati della Regione. (segue dopo la foto)

Coronavirus dati oggi 29 aprile 2020: i contagi regione per regione

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi regione per regione sono i seguenti. 36.122 in Lombardia, 15.521 in Piemonte, 11.862 in Emilia Romagna, 8.369 in Veneto, 5.663 in Toscana, 3.576 in Liguria, 4.535 nel Lazio, 3.347 nelle Marche, 2.782 in Campania, 2.927 in Puglia, 1.463 nella Provincia autonoma di Trento, 2.145 in Sicilia, 1.227 in Friuli Venezia Giulia, 1.976 in Abruzzo, 845 nella Provincia autonoma di Bolzano, 261 in Umbria, 761 in Sardegna, 135 in Valle d’Aosta, 753 in Calabria, 194 in Basilicata e 193 in Molise (segue dopo il video)

In Emilia Romagna “epidemia in forte riduzione”

Altri 263 casi di positività al coronavirus rispetto a ieri in Emilia-Romagna, ma “a giudicare da indicatori come gli accessi in pronto soccorso e la riduzione del numero di ricoveri, tutto fa intendere che l’epidemia è in una fase di forte riduzione”. A sottolinearlo, nel corso del quotidiano bollettino su Facebook, è il commissario dell’Emilia-Romagna per l’emergenza  Covid-19, Sergio Venturi. Guardando ai dati, complessivamente, i positivi dall’inizio dell’epidemia sono a quota 25.177, tuttavia le guarigioni continuano aumentare (+364, 9.803 in totale) mentre i test effettuati hanno raggiunto quota 176.865 (+4.276).

In netto calo, inoltre, i casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi a oggi: -141 rispetto a ieri (11.862 contro 12.003). Purtroppo, si registrano 40 nuovi decessi: 19 uomini e 21 donne. Complessivamente, in Emilia-Romagna sono arrivati a 3.512. Questi i dati, accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali, relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ,ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 3.993 a Piacenza (75 in più rispetto a ieri), 3.144 a Parma (22 in più), 4.613 a Reggio Emilia (20 in più), 3.630 a Modena (21 in più), 3.977 a Bologna (80 in più), 375 le positività registrate a Imola (9 in più), 918 a Ferrara (9 in più). In Romagna sono complessivamente 4.527 (27 in più), di cui 981 a Ravenna (3 in più), 880 a Forlì (3 in più), 676 a Cesena (4 in più), 1.990 a Rimini (17 in più). >> Tutte le ultime notizie

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

Caso Bozzoli: l’operaio Beppe Ghirardini punito a morte perché testimone scomodo?

Travaglio, tutto pur di difendere Conte: ora appoggia Silvio Berlusconi e la sua opposizione “educata”