in

Coronavirus Italia, Bassetti: «Stop a bollettini di guerra, si può tornare alla normalità»

In collegamento con la trasmissione ‘In Onda’ su La7 Matteo Bassetti, direttore della Clinica malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita), ha espresso le sue perplessità sulla modalità con cui la Protezione Civile continua a comunicare giornalmente i dati Covid. «Con mascherine e distanziamento si può tornare alla normalità. Questo è il messaggio che deve venire dalla medicina oggi: torniamo a vivere con delle precauzioni. Non possiamo continuare a dare ogni sera il bollettino di guerra, questo è profondamente sbagliato», ha affermato l’infettivologo, che ha poi sottolineato: «Il popolo non è abituato a questi numeri, noi non comunichiamo il numero delle persone colpite da infarto».

leggi anche l’articolo —> Manifestazione 5 settembre Roma, i negazionisti non sono in grado di organizzarsi

Bassetti

Coronavirus Italia, Bassetti: «Stop a bollettini di guerra, si può tornare alla normalità»

«È giusto mettere in guardia la popolazione durante la fase emergenziale, ma ora non c’è più. Torniamo a vivere facendo meno allarmismo, perché colpisce le aziende e l’economia», ha proseguito il professor Matteo Bassetti. «In Italia siamo arrivati ad una potenza di fuoco di circa 100mila tamponi al giorno e ci manteniamo su livelli molto significativi», ha evidenziato il direttore della Clinica Malattie Infettive dell’Ospedale San Martino di Genova. «Bisogna sempre guardare la percentuale sui tamponi fatti. (…) Buona parte dei contagi che oggi contiamo provengono da viaggi all’estero. Poi c’è quel numero degli oltre 100 pazienti in terapia intensiva che deve essere tenuto in considerazione, ma non deve al momento terrorizzarci. Noi oggi siamo più bravi e il messaggio è che la gente muore di meno. I decessi sono sempre tanti. Ma è evidente che oggi è una malattia in qualche modo diversa anche perché siamo diversi noi, sia nel fare i tamponi che nel curare le persone», ha concluso Bassetti, da sempre critico sulla gestione dell’emergenza Covid.

Bassetti

Bassetti critico, il bollettino del 1 settembre 2020: aumentano malati in terapia intensiva

I dati di ieri, martedì 1 settembre 2020, diffusi dalla Protezione Civile riportavano di 978 contagiati, 8 morti e  291 guariti. In aumento purtroppo le persone ricoverate in terapia intensiva: stando al bollettino ce ne sono state 13 in più. 92 i ricoveri nei nosocomi italiani. Nel corso della giornata delle ultime 24 ore sono stati somministrati 81.050 tamponi. Leggi anche l’articolo —> Covid bollettino oggi 1 settembre, i nuovi contagi 978: aumentano ricoverati in terapia intensiva

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

verona batterio killer

Verona batterio killer nei biberon e nei rubinetti: allarmante la relazione degli ispettori

scuola a settembre

Scuola a settembre, il virologo Perno: «Stesso rischio di contagio di un supermercato o cinema»