in

Coronavirus reddito d’emergenza: avrà una platea di 3milioni di italiani

Dopo il bonus di 600 euro stanziato per fronteggiare le conseguenze del Coronavirus, si sta concretizzando all’orizzonte anche il reddito di emergenza. In programma per il mese di aprile, sarà destinato a tutte le persone rimaste escluse dagli aiuti erogati a marzo con il decreto Cura Italia, e quindi anche i famosi lavoratori in nero. Vediamo, più nello specifico, a chi dovrebbe spettare.

Coronavirus reddito d'emergenza

Coronavirus, a chi spetterà il reddito di emergenza

A fare chiarezza è stato il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, la quale ha spiegato che il reddito d’emergenza dovrebbe rispondere alle necessità di circa tre milioni di italiani, e che lo stanziamento potrebbe essere di tre miliardi di euro. Ancora non c’è troppa lucidità sulla platea dei beneficiari, e la polemica riguardo ai lavoratori in nero non è mancata. Tuttavia secondo il ministro Catalfo “c’è una parte di cittadini che in questo momento non ha alcun sostegno, dovrebbero essere circa 3 milioni. Stiamo valutando la platea e l’impatto. Quindi per tutte queste persone che non hanno altri sostegni al reddito sarà previsto il reddito di emergenza, che le aiuterà in questo periodo anche di crisi economica”. Tra queste, ovviamente, ci sono anche coloro che non dispongono di un regolare contratto di lavoro.

Il lavoro in nero non dovrebbe esistere, purtroppo il lavoro sommerso è una piaga che c’è in Italia. A tutte queste famiglie dobbiamo comunque pensare, a tutte quelle persone che sono senza reddito, per loro è previsto un reddito d’emergenza”, ha spiegato a Class Cnbc. “Anche i comuni ci hanno fatto notare che c’è una parte di famiglie che non riceverà nulla”, proprio per questo verrà istituto il reddito di emergenza. E verrà esteso a chi finora era impossibile individuare attraverso il bonus dei 600 euro, a partire dai lavoratori in nero. Secondo il ministro, inoltre, questa potrebbe essere un’occasione anche per realizzare una mappatura del lavoro non in regola, in modo da capire dove si nasconde e riuscire a controllarlo maggiormente.

coronavirus reddito d'emergenza

Coronavirus, reddito d’emergenza anche per i lavoratori in nero

Il reddito d’emergenza quindi dovrebbe essere garantito a tutte quelle persone che non rientravano nelle categorie del bonus di indennizzo da 600 euro varato per il mese di marzo. Oltre a questo, il ministro assicura anche che tutte le misure già messe in campo a marzo verranno confermate e ampliate, puntando anche su “importanti investimenti sulla liquidità delle imprese”. Secondo la previsione di Catalfo, inoltre, le misure per il lavoro, nel decreto di aprile, dovrebbero ammontare in totale a 15 miliardi.

>> Tutte le news di UrbanPost

Federica Pellegrini

Federica Pellegrini Instagram risveglio eccitante, a cavalcioni sul letto: «Regina indiscussa»

Coronavirus dati 3 aprile 2020: i nuovi contagiati sono 2.339, l’epidemia inizia a rallentare