in

Cos’è il CBD e come funziona

Troppo spesso, quando si parla di cannabis, confondiamo THC e cannabidiolo (CBD). Eppure, il secondo differisce dal primo per i suoi benefici per la salute e per il suo utilizzo in ambito medico. Delle due sostanze attive più conosciute nella cannabis, il CBD è davvero il più interessante dal punto di vista dei pazienti che lo usano per alleviare il dolore, l’ansia, l’infiammazione e molti altri sintomi. 

Cos’è il CBD

Il CBD è una molecola che fa parte della famiglia dei cannabinoidi. Come il THC, è una sostanza attiva che si trova nella pianta di canapa (da cui si ottiene la resina di cannabis). Tuttavia, si trova in quantità inferiori al THC (tra lo 0,6 e l’1%, contro il 12-25%), in particolare a causa delle scelte di produzione fatte negli ultimi decenni. Poiché il THC è più ricercato per i suoi effetti più eccitanti e per l’uso a scopo ricreativo, i semi di cannabis in circolazione lo contengono a livelli potenziati.

Ma ora, poiché i benefici medici della cannabis acquistano sempre più attenzione, sempre più varietà vengono prodotte appositamente per contenere livelli significativi di CBD. È così possibile trovare semi di cannabis terapeutici (per scopi medici) con più del 6% di CBD, il che rappresenta una quantità piuttosto ingente e rara fino a qualche anno fa. Ma una concentrazione dell’1% è più che sufficiente per coprire le esigenze dei pazienti, con il CBD che si rivela molto efficace.

Qual è la differenza tra CBD e THC

Dei 500 diversi cannabinoidi presenti nella cannabis, il THC è sicuramente il più noto ai consumatori, sebbene il CBD stia iniziando a prendere piede. Semplicemente perché il THC (9-tetraidrocannabinolo) è il cosiddetto componente “psicoattivo” della cannabis. Agendo direttamente sul sistema nervoso, influisce sul funzionamento del cervello e può modificare le percezioni, alterare gli stati d’animo e trasformare il comportamento. Il THC viene solitamente consumato per questi effetti: ti fa “sballare”.

A differenza del THC, il CBD non ti fa sballare; il suo ruolo è addirittura esattamente invertito: tende a contrastare le proprietà psicoattive del fratello maggiore, e a volte le ritarda (può anche durare più a lungo). Questo spiega il suo orientamento medico. Tuttavia, non è completamente privo di effetti psicoattivi: il CBD genera una sensazione di sollievo come un sedativo.

Insieme, THC e CBD vedono i loro effetti moltiplicarsi di dieci volte. La congiunzione delle due molecole può agire potentemente sull’ansia e sul dolore, con risultati migliori rispetto al solo THC (i cui effetti a volte sono poco avvertiti dagli utenti).

Come funziona il CBD

Nel corpo, il CBD funge da catalizzatore. Ottimizza la naturale risposta al dolore, ma anche alle ansie e allo stress. Va precisato che il CBD non elimina né previene il dolore e l’ansia, ma agisce sul sistema nervoso per ridurne l’impatto a livello generalizzato. Esso infatti agisce inviando segnali che, in sostanza, istruiscono l’organismo a non preoccuparsene e a svolgere i propri affari.

Questa sostanza è tanto più efficace in quanto funziona come un’estensione delle difese naturali del nostro sistema nervoso. Se i cannabinoidi funzionano è perché il corpo umano ha i giusti recettori e produce una sorta di THC naturale da solo, anche se in concentrazioni molto limitate. Si parla di “recettori CB1” (presenti principalmente nel cervello e nel sistema nervoso centrale) e “CB2” (installati principalmente negli organi periferici e nelle cellule legate al funzionamento del sistema immunitario).

Il cannabidiolo interagisce anche con altri recettori nel corpo, il che migliora le sue proprietà medicinali.

Quali sono i vantaggi del CBD

Gli effetti positivi del CBD sono numerosi e noti da circa quindici anni. Superano di gran lunga tutti gli altri cannabinoidi quando si tratta di combattere:

  • Il dolore;
  • Infiammazioni;
  • Nausea;
  • Attacchi d’ansia;
  • Ansia;
  • Alcune malattie mentali (schizofrenia, ecc.);
  • Fibromialgia;
  • Epilessia;
  • Artrosi reumatoide;
  • Alcolismo.

Il CBD, utilizzato soprattutto per contrastare i dolori muscolari e neuropatici, sintomi difficili da alleviare con i trattamenti convenzionali, può quindi fare miracoli nel ridurre i sintomi dolorosi di origine neurologica e nel migliorare la qualità della vita dei pazienti con fibromialgia, ad esempio.

Va tenuto presente, tuttavia, che lo studio del CBD (isolato da altri principi attivi nella cannabis) è relativamente recente. La ricerca medica continua. Suggerisce già che l’impatto del CBD sul trattamento dei pazienti potrebbe aprire la porta a trattamenti rivoluzionari.

Come assumere il CBD

Esistono diversi modi per consumare il CBD, ma i più efficaci sono quelli naturali, perché il CBD è considerato un integratore alimentare. Quali sono i metodi più popolari?

Sotto forma di olio di CBD, assorbito con un contagocce. Basta aggiungere qualche goccia a cibo o bevande, o semplicemente posizionare la pipetta sotto la lingua per un effetto più veloce.

In forma di capsule, solitamente gelatinose, ciascuna contenente una dose fissa di pasta di CBD. Questo dosaggio consente un facile assorbimento del CBD, ad esempio al lavoro o in viaggio.

Sotto forma di gomma da masticare, un metodo apprezzato perché semplice e pratico allo stesso tempo. La pasta di CBD (dose fissa) viene miscelata con ingredienti naturali per un dosaggio molto discreto.

Sotto forma di e-liquid, utilizzato in una sigaretta elettronica. Assorbito dai polmoni, il CBD passa nel sangue molto rapidamente (più velocemente di quando viene ingerito).

Sotto forma di prodotti cosmetici, da applicare sulla pelle. Il CBD viene utilizzato principalmente in questo modo per trattare disturbi localizzati (dolori articolari, acne, malattie della pelle, ecc.), Oltre ai prodotti convenzionali.

Spetta a tutti scegliere il dosaggio più efficace e piacevole.

 

estate 2021 covid

Estate 2021, i viaggi all’estero si potranno fare? Novità sul passaporto vaccinale

Vaccinazioni, il report della “Cattolica”: sette regioni sotto la media nazionale giornaliera