in

Covid, il bollettino di oggi: 40.902 nuovi casi e 550 morti, +60 in intensiva

Covid bollettino 13 novembre 2020, dal Ministero della Salute i numeri ufficiali sull’andamento della pandemia in Italia. Sono 40.902 i nuovi casi di coronavirus registrati oggi in Italia su 254.906 tamponi eseguiti, con un tasso di positività quindi del 16%, in linea con quello di ieri (16,2%). Ancora elevato il numero di decessi nelle ultime 24 ore, 550. Il totale dei morti per Covid da inizio emergenza in Italia è ora di 44.139. (segue dopo la foto)

Covid bollettino 13 novembre 2020

Gli attuali positivi sono 663.926, fanno registrare dunque un incremento di 28.872 in un solo giorno. I ricoverati in terapia intensiva salgono a 3.230, sono quindi 60 più di ieri.  I guariti e dimessi salgono di 11.480, in totale da inizio emergenza sono 399.238. Per quanto riguarda la ripartizione regionale dei nuovi casi, la Lombardia resta la regione più contagiata con 10.634 nuovi casi nelle ultime 24 ore, seguita dal Piemonte con 5.258 nuovi positivi e dalla Campania con 4.079.

In Veneto 3.605 nuovi casi e 37 morti, 227 ricoverati in intensiva

Sono 3.605 i positivi da Covid registrati nelle ultime 24 ore in Veneto, per un totale di 94.506
positivi dall’inizio dell’epidemia il 21 febbraio. I pazienti nei reparti non critici sono 1947 (+71) e 227 nelle terapie intensive (+6) per un totale di 2.174 posti occupati negli ospedali. Sono poi 2.764 i
decessi dall’inizio dell’epidemia , 37 nelle ultime 24 ore.

“A parità di tamponi oggi abbiamo la metà di positivi di marzo”, ha sottolineato il presidente del
Veneto Luca Zaia nel corso del punto stampa quotidiano sull’emergenza Covid. Il governatore ha
spiegato infatti che “se facessimo un confronto tra il numero di tamponi fatti oggi e quelli del giorno più nero della prima ondata a fine marzo possiamo dire che al posto dei 3.605 positivi delle ultime 24 ore ne avremmo dovuto trovare oltre 9.000. Allora infatti avevamo 412 contagi con 2.170 tamponi fatti, oggi ne abbiamo fatti 47.000 tamponi (tra molecolari e test rapidi), e la proporzione ci darebbe appunto 9.000 positivi”.

E ancora Zaia ha spiegato che “se il tasso di positivi sui tamponi fatti allora era intorno al 20% oggi siamo su 7-8%, in pratica, la metà della primavera scorsa”. Ad oggi in veneto ha ricordato il presidente della regione: “Sono stati fatti 2.529.000 tamponi molecolari e 543.000 rapidi”.

Covid bollettino 13 novembre 2020: in Toscana 2.478 nuovi casi e 55 morti, il numero più alto da inizio pandemia

In Toscana sono 74.330 i casi di positività al coronavirus, 2.478 in più rispetto a ieri (1.887
identificati in corso di tracciamento e 591 da attività di screening).I nuovi casi sono il 3,4% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono del 5,7% e raggiungono quota 22.408
(30,1% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.294.003, 18.423 in più rispetto a ieri. Sono 8.687 i soggetti testati (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 28,5% è
risultato positivo. A questi si aggiungono i 2.318 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi.

Gli attualmente positivi sono oggi 50.129, +2,5% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.921 (12 in più rispetto a ieri), di cui 265 in terapia intensiva (9 in più). Oggi si registrano 55 nuovi decessi (il numero più alto da inizio della pandemia): 28 uomini e 27 donne, con un’età media di 85 anni. L’età media dei 2.478 casi odierni è di 46 anni circa (il 14% ha meno di 20 anni, il 23% tra 20 e 39 anni, il 35% tra 40 e 59 anni, il 20% tra 60 e 79 anni, l’8% ha 80 anni o più). >> Tutte le notizie sul Coronavirus

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

Luca Argentero

Luca Argentero e quell’«imperdonabile» difetto fisico che in tv non si vede

“Amici 2020” Gaia: «Un periodo difficile, pensavo che mai sarei potuta tornare a cantare»