in

Covid, il bollettino di oggi: 31.758 nuovi casi e 297 decessi, +97 in intensiva

Covid bollettino 31 ottobre 2020, dal Ministero della Salute i numeri ufficiali sull’andamento della pandemia in Italia. Nuovi contagi da Coronavirus ancora in crescita in Italia nelle ultime 24 ore, ne sono stati accertati 31.758 contro i 31.084 di ieri. Nuovo record di tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, sono 215.886. La Lombardia resta la regione più colpita, con 8.960 nuovi casi. In notevole aumento i decessi nelle ultime 24 ore, si contano 297 vittime contro le199 di ieri. Il totale dei decessi per Covid da inizio emergenza è ora di 38.618. (segue dopo la foto)

covid bollettino 31 ottobre 2020

Gli attuali positivi salgono di 25.600 unità e in totale sono 351.386. I dimessi guariti sono 5.859 nelle ultime 24 ore, in totale sono 289.426. Sale sensibilmente il numero dei ricoverati in terapia intensiva, oggi sono 1.843 (+97 rispetto a ieri). Nel complesso i ricoverati con sintomi in tutta Italia sono 17.966. Oggi sono stati effettuati 215.886 tamponi, un incremento che porta il numero complessivo di test a 15.784.461. Per quanto riguarda gli incrementi nelle regioni, si contano 8.919 nuovi casi in Lombardia, 3.669 in Campania, 2.887 in Piemonte.

Covid bollettino 31 ottobre 2020: in Lombardia 8.919 nuovi casi e 73 morti nelle ultime 24 ore

Nelle ultime 24 ore in Lombardia sono stati registrati 8.919 nuovi casi di positività al Coronavirus. Dei nuovi casi accertati 421 risultano debolmente positivi e 70 a seguito di test sierologico. I tamponi effettuati sono stati 46.781, per una percentuale fra nuovi positivi e tamponi eseguiti del 19%. Aumentano anche i decessi, sono morte 73 persone risultate positive al Coronavirus. Lo comunica la Regione Lombardia. I decessi nella regione dall’inizio della pandemia sono 17.535.

Sono 4.033 le persone positive al coronavirus ricoverate negli ospedali della Lombardia, in aumento di 335 unità rispetto a ieri. In terapia intensiva sono ricoverati 392 pazienti, 22 in più di ieri. Secondo i dati diffusi dalla Regione, i guariti e i dimessi dall’inizio della pandemia sono 96.198, aumentati di 2.064 unità da ieri.

In provincia di Milano sono 3.730 i nuovi positivi al coronavirus registrati nelle ultime 24 ore, di cui 1.553 a Milano città. Secondo i dati della Regione Lombardia, i nuovi positivi in provincia di Monza e Brianza sono 1.207, a Varese 1.202, a Bergamo 243, a Brescia 413, a Como 475, a Cremona 184, a Lecco 228, a Lodi 151, a Mantova 248, a Pavia 387 e a Sondrio 133.

Nuovo Dpcm, verso chiusure mirate delle zone più a rischio e stop a spostamenti tra regioni

Chiusure mirate tra territori considerati più a rischio, ma anche l’ipotesi di fermare gli spostamenti tra
regioni. Obiettivo frenare la corsa del Covid 19. Secondo quanto riferisce in questi minuti l’agenzia Adnkronos, sono queste le misure al vaglio del governo e di cui si è discusso nella riunione conclusasi da pochi minuti tra il premier Giuseppe Conte e i capidelegazione di maggioranza che torneranno a  vedersi domani. Alla riunione di questo pomeriggio erano presenti anche Silvio Brusaferro, Franco Locatelli, Agostino Miozzo e Domenico Arcuri.

Il nuovo Dpcm dovrebbe essere varato nella giornata di lunedì, mentre la riunione del Cts in corso sta riaggiornando l’elenco dei territori considerati più a rischio rispetto ai quali dovranno essere valutate nelle prossime ora misure più restrittive. Sembra inoltre prendere forza la possibilità di fermare gli spostamenti tra regioni, fatti salvi motivi di lavoro, salute e urgenza. Possibilità, questa, caldeggiata dal ministro della Giustizia e capodelegazione M5S, Alfonso Bonafede. >> Tutte le notizie sul Coronavirus

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

Sean Connery è morto, addio all’ineguagliata icona maschile del cinema

Antonio Logli lettera a Quarto Grado, accuse a Loris Gozi: «Quelle cose gliele hanno fatte dire»