in

Covid in Emilia-Romagna, la curva rallenta: oggi 2.118 nuovi casi e 44 decessi

Covid in Emilia-Romagna oggi 22 marzo. Sono “circa 2.100 casi di coronavirus di oggi, erano 2.800 una settimana fa”. Così il presidente Stefano Bonaccini sull’andamento della curva covid in Emilia-Romagna, ha anticipato nel primo pomeriggio di oggi i numeri del bollettino giornaliero, diffuso poco fa. Il Covid inizia ad allentare la presa in Emilia-Romagna, ma la situazione resta grave, soprattutto per la pressione sui reparti ospedalieri di rianimazione e non.

Covid in Emilia Romagna oggi 22 marzo: 2.118 nuovi casi e 44 morti, la situazione dei contagi nelle province

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 319.080 casi di positività, 2.118 in più rispetto a ieri, su un totale di 19.902 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri – del 10,6%, inferiore al 17,9% dello scorso lunedì – non è comunque indicativa dell’andamento generale, poiché il numero di tamponi eseguiti la domenica è inferiore rispetto agli altri giorni. i decessi nelle ultime 24 ore sono stati 44.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 531 nuovi casi, poi Modena (310); seguono Rimini (215), Reggio Emilia (205), Ravenna (199). Poi Ferrara (196), Parma (166), Cesena (135), Forlì (91), Piacenza (38). Infine, Imola, con 32 nuovi casi. Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 9.760 tamponi molecolari, per un totale di 3.837.292. A questi si aggiungono anche 10.142 tamponi rapidi.

Bonaccini: “Il picco della curva pare essere stato raggiunto”

Il presidente della Regione Stefano Bonaccini oggi ha speso parole ottimistiche. “Il picco della curva pare essere stato raggiunto e scavallato nella nostra regione”, ha detto. Intanto, sono entrati oggi in vigore i nuovi cambi di colore delle regioni decisi venerdì dal ministro Roberto Speranza: la Sardegna vola da bianca in zona arancione, mentre il Molise da rosso passa in arancione. Nulla è cambiato, invece, per l’Emilia Romagna che resterà per una seconda settimana in zona rossa, come previsto dal nuovo decreto Draghi

Secondo Bonaccini, però, ci sono buone notizie. “L’Rt dell’Emilia-Romagna – ha detto – fino a pochi giorni fa, era andato sopra l’1.30, adesso è sotto l’1.20. È sceso molto, ad esempio, a Bologna che è il territorio più colpito dalla variante inglese. Insomma, il peggio per la nostra regione è alle spalle. “Abbiamo concluso una settimana che, tarata sulla scorsa, ha visto 2mila casi in meno di numeri di positivi. Venivamo da settimane di aumento e siamo scesi da circa 19mila a 17mila contagiati”, ha spiegato il governatore.

I dati dell’incidenza dei casi su base settimanale nelle province emiliano-romagnole restano tuttavia molto “pesanti”. A Bologna è scesa a 442 casi ogni 100mila abitanti rispetto agli oltre 500 della scorsa settimana. Nella provincia di Forlì-Cesena l’incidenza è invece a 526 e nelle vicina Rimini a 482. Dati ben superiori alla soglia regionale di 145 casi ogni 100mila abitanti.

Covid in Emilia Romagna oggi 22 marzo: guariti, attuali positivi e ricoverati

I guariti sono 1.762 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 232.841. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 74.771 (+312 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa sono complessivamente 70.679 (+181), il 94,5% del totale dei casi attivi.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 390 (-6 rispetto a ieri), 3.702 quelli negli altri reparti Covid (+137). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 10 a Piacenza (+1), 24 a Parma (-1), 32 a Reggio Emilia (numero invariato rispetto a ieri), 78 a Modena (-5), 120 a Bologna (+1), 33 a Imola (+1), 33 a Ferrara (-1), 17 a Ravenna (-2), 9 a Forlì (invariato), 7 a Cesena (invariato) e 27 a Rimini (invariato). >> Le notizie dall’Emilia-Romagna

Leonardo serie trama cast

“Leonardo”, trama e cast: tutte le curiosità sulla serie con Aidan Turner e Matilda De Angelis

Oggi è un altro giorno, Filippo Magnini ricorda il suo periodo buio: «La mia è stata una vittoria schiacciante»