in

Covid, Cartabellotta: “Ricoveri dimezzati rispetto allo stesso numero di casi delle ondate precedenti”

Covid ricoveri in Italia, “la stagione turistica estiva l’abbiamo salvata grazie alla campagna vaccinale. La percentuale di ospedalizzazioni è molto inferiore rispetto allo stesso numero di casi delle ondate precedenti, è circa la metà. Differenze a livello regionale dipendono da percentuale di over 50 non vaccinati”. Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus. (Continua a leggere dopo la foto)

covid ricoveri in italia cartabellotta gimbe

Covid ricoveri in Italia, Cartabellotta sul caso Sicilia e sulla percentuale di over 50 non vaccinati

Sui dati dell’epidemia Cartabellotta, impegnato con Gimbe nell’analisi dei numeri fin dallo scoppio della pandemia in Italia, ha le idee molto chiare. “Dal punto di vista dei contagi nelle ultime 3 settimane abbiamo assistito ad una sostanziale stabilizzazione dei contagi settimanali”, ha affermato il medico. “La percentuale di ospedalizzazioni è molto inferiore rispetto allo stesso numero di casi delle ondate precedenti, è circa la metà”.

“Questo vuol dire che il vaccino funziona”, afferma Cartabellotta. “Nel quadro nazionale si innestano differenze regionali importanti, questo dipende dalla circolazione del virus, dalla copertura vaccinale, e dalla percentuale di over 50 non vaccinati. La Sicilia ha la quota più alta di over 50 non vaccinati, mentre la Puglia la più bassa e la differenza si vede. Bisognerà vedere se con la riapertura delle scuole cambierà qualcosa dal punto di vista dei contagi”.

“Stagione turistica salva grazie alla campagna vaccinale”

“La stagione turistica estiva l’abbiamo salvata, questo possiamo dirlo tranquillamente, grazie alla campagna vaccinale”, afferma il presidente di Gimbe. “Quello che preoccupa di più ora è l’emergere di nuove varianti e anche il potenziale calo della copertura vaccinale, ovvero la possibilità che la protezione del vaccino possa calare col tempo. La protezione vaccinale rimane molto alta per ricoveri e decessi, mentre sul contagio stiamo iniziando a vedere un lieve calo della protezione”.

“Altra preoccupazione è quella legata ai 3 milioni e mezzo di over 50 non ancora vaccinata”, sottolinea Cartabellotta. “Questo si può tradurre in un numero più alto di ospedalizzazioni che può determinare nuove chiusure. Più persone arrivano in ospedale per covid e meno posto c’è per i malati di altri patologie. Questo è un elemento che deve passare nella comunicazione pubblica, il ragionamento sull’obbligo vaccinale va in questa direzione”.

“La copertura  – conclude il medico ai microfoni di Radio Cusano Campus – dovuta alla campagna vaccinale consente alla politica di rischiare di più con le riaperture. E’ chiaro che però tutta una serie di falle, come quella degli over 50 non vaccinati, devono essere coperte. Bisogna affrontare l’arrivo della stagione autunnale, il verosimile declino della copertura vaccinale col tempo, l’ipotesi di nuove varianti più resistenti al vaccino, ma è verosimile che non ci siano più chiusure come quelle che abbiamo visto in passato”.

sicilia zona gialla da oggi

Covid, Sicilia in zona gialla da oggi: la curva dei contagi continua a crescere

incidente A4 Verona

Verona, maxi incidente stradale: 6 mezzi coinvolti e traffico in tilt sulla A4