in

Covid, soccorritore del 118 muore a 59 anni: “Luigi era forte come un leone”

Luigi Pucariello era un infermiere e soccorritore del 118, morto per Covid a Lucera, nel foggiano. Si era contagiato a ottobre, e dopo qualche giorno senza sintomi, aveva iniziato ad avvertire la cosiddetta “fame d’aria”. Luigi non aveva, apparentemente, patologie pregresse. Gino, come lo chiamavano gli amici, lascia la moglie e due figli.

>>  Il Coronavirus può entrare nel cervello attraverso il naso: lo studio su “Nature Neuroscience”

Soccorritore morto per covid

I colleghi ricordano Luigi

Luigi Pucariello lavorava da una decina d’anni al pronto soccorso dell’ospedale Lastaria del centro federiciano. Prima ancora aveva collaborato  come elisoccorritore all’Alidaunia di Foggia. I colleghi del 118 piangono Luigi Pucariello, morto per Covid a 59 anni. L’ennesima vittima tra il personale medico-sanitario. “Ha lavorato per noi tanti anni, non ci sembra vero. Ed ironia della sorte siamo stati noi stessi a trasferirlo in elisoccorso a San Giovanni Rotondo”. A fine ottobre aveva contratto il virus. “Abbiamo lavorato insieme e insieme ci siamo contagiati”, ha raccontato Simone Codirenzi, amico e collega di Luigi. “Lui è stato asintomatico per i primi 4- 5 giorni. Poi improvvisamente un pomeriggio ha avvertito – ricostruisce l’uomo – la cosiddetta fame d’aria”.

senigallia incidente due donne

Soccorritore morto per Covid a Lucera

“Da lì è stato trasportato d’urgenza al policlinico di Foggia, dove è stato ricoverato in rianimazione fino a dieci giorni fa quando, poi, purtroppo il suo quadro clinico è precipitato”. A quel punto l’infermiere è stato trasferito alla Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo dove è deceduto. AnchePaola Caporaletti, primaria del Pronto Soccorso del policlinico Riuniti di Foggia, ricorda con un lungo post le ultime parole scambiate con Gino: “È necessario spostarti in rianimazione”. “Non mi fai intubare vero?”. “Per ora non è necessario. Purtroppo dobbiamo vedere come va e ne riparliamo.” Ci tenevamo per mano e ci guardavamo negli occhi. “Va bene, andiamo”, conclude il post.  >> Tutte le news 

Lotteria degli scontrini

Lotteria degli scontrini, da oggi il via alle registrazioni: ecco come funziona

giornata mondiale aids

Aids giornata mondiale, gli studi più rilevanti: il Coronavirus non ha fermato la ricerca sull’Hiv