in

Cura del prato: il trattorino tagliaerba è l’alleato perfetto

Quando si possiede una casa con il giardino si attende l’alternarsi delle stagioni con particolare impazienza e si passano i mesi invernali immaginando tutte le cene e i pranzi all’aperto, insieme agli amici più cari.

Mantenere un giardino in ordine, anche nei periodi freddi, è fondamentale, perché arrivare alla primavera dopo mesi e mesi in cui il prato e le aiuole non sono state toccate rischierebbe di trasformare l’amato giardino in un luogo poco piacevole.

Prendersene cura anche durante le stagioni fredde, invece, è importante per poter arrivare preparati a quelli che sono i mesi in cui lo spazio esterno viene sfruttato maggiormente. Ma la manutenzione del giardino può essere faticosa, se non viene effettuata utilizzando gli strumenti giusti. Ci sono alcune operazioni che vanno fatte rigorosamente a mano, come la potatura dei cespugli oppure la semina dei fiori, ma poi bisogna pensare al prato.

Per avere un manto erboso sempre soffice, rigoglioso e uniforme, bisogna effettuare in modo corretto la semina e avere una rasatura costante. L’erba, infatti, tende a svilupparsi molto velocemente in altezza e, trascurarla per lungo tempo, contribuirà poi al suo lento degrado, causato dagli agenti atmosferici.

Tagliare il prato diventa divertente

Per poter rasare il prato durante tutto l’arco dell’anno è fondamentale avere a disposizione attrezzature che rendano la manutenzione un piacere e non un onere. In questo senso, il trattorino tagliaerba è l’ideale, perché consente di effettuare la rasatura periodica del prato in modo semplice, veloce e anche divertente.

Naturalmente non tutti i giardini sono uguali, così come non tutti i macchinari possono essere utilizzati su qualsiasi superficie. Per poter scegliere il miglior modello in base a quelle che sono le proprie esigenze è preferibile dare uno sguardo alle varie tipologie di trattorini tagliaerba professionali presenti sul mercato. A tal proposito, si può dare uno sguardo ai vari cataloghi online, come efco.it/it-it/c/prodotti/tagliaerba/trattorini/, dove è possibile confrontare diversi modelli, con misure e serbatoio di scarico posteriore o laterale.

Per essere in grado di rasare il prato in maniera costante e mantenerlo sano e uniforme, il trattorino tagliaerba è lo strumento ideale, perché rende questa operazione estremamente semplice e fluida, inoltre è un mezzo utilizzabile da tutti i membri della famiglia, perché non necessita di alcun cambio di marce per andare avanti o indietro. Questi veicoli, infatti, sono in grado di avanzare e cambiare direzione grazie ad un movimento idrostatico, vale a dire attraverso la semplice pressione di un pedale, e dunque sono facilmente governabili, proprio grazie all’assenza di cambio e di marce. Basta dunque accomodarsi sul comodo seggiolino, impugnare il volante e partire.

Rasatura periodica

La manutenzione costante, dunque, risulta essere l’arma vincente per avere un prato sempre uniforme e rigoglioso. Ma anche la rasatura ha una sua stagionalità ed è fondamentale intervenire nel momento in cui subentrano le stagioni fredde, per poter preparare il prato ad una nuova fioritura.

Per essere certi di ritrovare l’erba del proprio prato in buone condizioni è necessario lasciarla “riposare” durante i mesi più freddi. Quando le temperature diventano molto basse, c’è il rischio che il manto erboso venga schiacciato dal peso della neve e del ghiaccio.

Per impedire che il prato si rovini, dunque, è opportuno tagliarlo per l’ultima volta entro la fine del mese di ottobre, in considerazione del fatto che l’erba durante i mesi invernali cresce ben poco, o anche per niente. Per evitare che lo stelo venga piegato dalla neve e dal ghiaccio, è dunque opportuno tagliarlo in questo periodo e accorciarlo ulteriormente, di circa mezzo centimetro rispetto al consueto. In questo modo i fili d’erba non verranno schiacciati e resisteranno fino alla prossima primavera.

Seguici sul nostro canale Telegram

lavrov amante

Lavrov, l’amante Svetlana Polyakova e la escort: la foto che imbarazza il ministro

Quali sono i principali step per la realizzazione di un sito web