in

Denis Pipitone, diffusa la Age Progression: ecco come sarebbe ora a 21 anni

È stata diffusa dalla famiglia di Denise Pipitone la nuova Age Progression. Ora, l’allora piccola, sarebbe una ragazza 21enne dai capelli lunghi e diversa dall’immagine diffusa alla scomparsa, ormai nel 2004, a cui siamo abituati. “Attenzione è una immagine di ricostruzione” ha spiegato sui social Piera Maggio. (Continua dopo la foto)

Di Piera se ne è parlato tanto, la mamma di Denise che da anni combatte per fare luce sulla scomparsa di sua figlia senza mai una sosta. La nuova immagine di Denise Pipitone, con il presunto invecchiamento, è stata commissionata dalla famiglia della bimba scomparsa in circostanze mai chiarite da Mazara del Vallo il primo settembre di 17 anni fa. Ai tempi la piccola aveva solo quattro anni. La nuova rappresentazione di Denise all’età di 21 anni, è stata realizzata da esperti mediante le foto originali della bimba, scattate prima della scomparsa e messe a disposizione dalla famiglia. Ma anche analizzando quelle dei genitori e del fratello. (Continua dopo la foto) 

Denise Pipitone come sarebbe ora a 21 anni, Age Progression

“Il nuovo invecchiamento è stato realizzato su commissione dalla dott.ssa Paloma Joana GALZI, Forensic Imaging Specialist, Alexandria VA, US. attraverso le foto originali di Denise, dei genitori e del fratello. Ringraziamo per il lavoro svolto” scrive oggi Piera Maggio, diffondendo la nuova immagine. Nel manifesto, lanciato attraverso i canali social e sui siti attivati dalla famiglia per la ricerca di Denise, l’immagine con la Age Progression, affianca quella della stessa Denise bimba in braccio alla madre. Il cartello rilancia anche la data di nascita e quella di scomparsa della bimba, sia in italiano che in inglese con l’hashtag #missingDenise.

Dramma in Trentino, 26enne scivola e muore facendo bouldering

Seguici sul nostro canale Telegram

obbligo vaccinale in Italia

Vaccino, diventerà obbligatorio in Italia? Locatelli (Cts): “Sì, a certe condizioni”

riforma pensioni 2022 draghi

Riforma delle pensioni, così Draghi ci traghetta verso il ritorno alla Legge Fornero (e i partiti lo lasciano fare)