in

Chi era Vera Gedroits, la protagonista del Doodle di oggi: la storia vera

19 aprile 2021. Google dedica oggi un doodleVera Gedroits, la prima donna chirurgo in Russia e tra le prime al mondo, nel giorno del suo 151esimo compleanno. Si tratta di una luminare, una brillante professionista che ha rivoluzionato la medicina militare. Tante le innovazioni da lei portate in tempo di guerra, soprattutto in ambito chirurgico. Oltre ad essere medico e professoressa universitaria, la Gedroits è stata anche poetessa e autrice di testi letterari.

leggi anche l’articolo —> Come è morto Leonardo da Vinci? Tutte le ipotesi sulla fine del genio

Chi era Vera Gedroits, la protagonista del Doodle di oggi

Oggi, lunedì 19 aprile 2021, sono 151 anni dalla nascita di Vera Gedroits, la prima chirurga russa ad operare in guerra, nonché la prima donna a diventare professoressa di chirurgia nel suo paese. Vera Ignatievna Gedroits era nata il 19 aprile 1870 in una famiglia di discendenza reale lituana a Slobodishche, più o meno a metà strada tra Mosca e Kiev.  Dichiaratamente omosessuale, nel 1894 sposò per convenienza l’amico Nikolai Belozerov, ottenendo così un passaporto per continuare a proseguire gli studi all’estero, in Svizzera. Divenne assistente del professore César Roux all’Università di Losanna e nel 1898 si laureò a pieni voti.

Due anni dopo la Gedroits tornò in Russia per dare assistenza medica alla madre, che soffriva di crisi depressive. Nel suo paese natio venne assunta in un ospedale, dove dimostrò tutta la sua professionalità. Allo scoppio della guerra russo-giapponese, nel 1904, divenne volontaria della Croce Rossa. Lavorò come chirurgo su un treno ospedaliero ed eseguì complesse operazioni addominali in un vagone convertito in sala operatoria. Un metodo efficace che venne adottato in seguito come nuovo standard dal governo russo.

Ha rivoluzionato la chirurgia militare, ma non solo

Dopo il suo servizio sul campo di battaglia, Gedroits ha lavorato come chirurgo per la famiglia reale russa prima del suo ritorno a casa a Kiev, dove divenne docente di chirurgia presso l’Università di Kiev nel 1929. Vera Gedroits morì nel 1932 per tumore all’utero. Soprattutto negli ultimi anni si era dedicata anche alla scrittura. Tante le raccolte di poesie, le autobiografie e le opere di saggistica firmate con lo pseudonimo di Sergei Gedroits, dal nome di un suo fratello morto giovane. Leggi anche l’articolo —> Premio Strega, i dodici finalisti (con qualche sorpresa): chi ha realizzato il logo di quest’anno

Vera Gedroits

Matteo Renzi: “Alleanza Pd-M5S non funzionerà, Conte potrebbe rinunciare”

prenotazione vaccino lombardia

Lombardia, al via da oggi il vaccino per gli over 65: come prenotarsi