in

Ecuador, massacro in carcere: 68 detenuti uccisi e 25 feriti

Ecuador strage in carcere. Almeno 68 prigionieri sono stati uccisi e 25 feriti in un penitenziario nella città di Guayaquil, in Ecuador, dopo i violenti scontri tra bande rivali scoppiati venerdì notte. Il carcere è di fatto nelle mani dei detenuti, come denunciato dalle autorità di Quito. (Continua a leggere dopo la foto)

Ecuador strage in carcere

Ricordiamo che in Ecuador il presidente Lasso lo scorso 19 ottobre ha decretato lo stato di emergenza per far fronte allo strapotere dei trafficanti di droga e all’ingovernabilità delle carceri, di fatto nelle mani delle bande criminali per via della corruzione dilagante nelle fila della polizia penitenziaria.

Ecuador strage in carcere: video di ferocia inaudita diffusi sui social media

L’ultimo massacro è avvenuto nel penitenziario di Litoral, lo stesso carcere dove almeno 119 detenuti hanno perso la vita poco più di un mese prima nella più mortale rivolta carceraria del Paese. È l’ennesimo spargimento di sangue in un’ondata di violenza carceraria in Ecuador quest’anno che spinge il bilancio delle vittime a più di 280 detenuti. La portata e la ferocia della violenza tra bande rivali di narcotrafficanti in lizza per il controllo delle carceri ha sconvolto il Paese sudamericano.

L’ultima carneficina non ha fatto eccezione. Secondo il quotidiano britannico The Guardian, video diffusi sui social media, presumibilmente pubblicati dai detenuti durante la notte, mostrano vittime picchiate e bruciate vive nel cortile di una prigione. Altri video mostravano detenuti che chiedevano aiuto per fermare la violenza mentre spari ed esplosioni risuonavano in sottofondo.

Secondo Pablo Arosemena, il governatore della provincia di Guayas dove si trova Guayaquil, l’epidemia di violenza è stata innescata da un vuoto di potere dopo il rilascio di un capobanda. “Altri blocchi di celle con altri gruppi volevano sottometterli, entrare e fare un massacro totale”, ha detto sabato in una conferenza stampa.

Ecuador strage in carcere

Intanto il presidente Lasso attacca la magistratura

Sabato il presidente dell’Ecuador, Guillermo Lasso, è andato su Twitter per insultare i giudici. Li ha accusati di limitare la capacità dello Stato di combattere la violenza limitando uno stato di emergenza di 60 giorni nel sistema carcerario – dichiarato alla fine di settembre – che mirava a liberare fondi e consentire controlli intensificati con l’assistenza militare.

“Il dovere fondamentale dello Stato è garantire la vita dei cittadini, senza discriminazioni. È un diritto umano fondamentale”, ha twittato Lasso. “Purtroppo oggi quel lavoro è stato reso impossibile da decisioni giudiziarie che impongono restrizioni esagerate al coordinamento tra le forze di sicurezza dello Stato per difendere la vita. Non ci permettono di difendere la vita”, ha detto.

Lasso, un ex banchiere di 65 anni, ha affermato che lo Stato ha bisogno degli “strumenti costituzionali per proteggere la popolazione, riportare l’ordine nelle carceri e combattere le mafie che traggono profitto dal caos”. Il colonnello Mario Pazmiño, l’ex direttore dell’intelligence militare ecuadoriana, ha affermato che le ultime violenze hanno dimostrato che il governo non è stato in grado di “combattere la minaccia che è sfuggita al controllo molto tempo fa”.

La violenza è aumentata quando le bande criminali locali hanno iniziato a lavorare per i cartelli della droga rivali messicani Sinaloa e Jalisco New Generation, ha aggiunto. “Il livello di corruzione è così alto che il personale e gli agenti del carcere sono totalmente corrotti e i prigionieri gestiscono il carcere”, ha aggiunto Pazmiño. “È il caos totale”.

Seguici sul nostro canale Telegram

Covid bollettino 13 novembre 2021

Covid oggi casi stabili (8.544) ma cresce il numero dei ricoverati, 53 i decessi

Covid quarta ondata nuove restrizioni

Covid, Brusaferro: “La curva si può fermare ma tutti i cittadini devono collaborare”