in

Enrico Mentana perde credibilità dopo le parole contro Conte: TgLa7 crolla negli ascolti

“Se avessimo saputo, non avremmo mandato in onda quella parte della conferenza di Conte”. Le parole di Enrico Mentana durante l’ultima conferenza del presidente del Consiglio hanno diviso l’Italia in due. Da una parte, c’è chi si è schierato a favore del direttore di TgLa7, dall’altra invece l’idea che il giornalista avrebbe preferito in qualche modo censurare il Premier non è andata molto a genio. E il calo di ascolti del suo Tg lo dimostra.

Enrico mentana

Enrico Mentana: “Era un arteficio retorico”

Un “artificio retorico per dire che quella parte era fuori posto”, lo ha definito in un commento su Instagram. Ma le parole di Mentana, in quel momento, sono risultate di cattivo gusto tanto quanto possono esserlo risultate le smentite di Conte alle affermazioni di Matteo Salvini e Giorgia Meloni riguardo al Mes. Perché in quanto giornalista, le notizie vanno riportate. E’ il nostro compito. Possiamo essere d’accordo o meno, ma ciò non ci legittima a scegliere quale notizia passare e quale no.

Analizzando quanto avvenuto, bisogna ricordare che per quanto necessario ai fini dell’informazione, quello del presidente del Consiglio non era un messaggio alla Nazione ma, appunto, una conferenza stampa. Volendo, Enrico Mentana avrebbe potuto liberamente scegliere di non mandare in onda il discorso. Ovviamente, in un periodo di emergenza avrebbe probabilmente alzato ancora più polemiche.

Nei giorni successivi, infatti, Palazzo Chigi ha sottolineato che “in occasione dell’ultima conferenza stampa, il presidente del Consiglio ha smentito vere e proprie fake news che rischiavano di alimentare divisioni nel Paese e di danneggiarlo, compromettendo il ‘senso di comunità’, fondamentale soprattutto in questa fase di emergenza. In conclusione, anche questa volta non c’è stata richiesta, da parte della Presidenza del Consiglio, di trasmettere un discorso alla nazione a reti unificate”. Come sappiamo, alla nota è seguito un intervento del direttore di TgLa7, il quale nel rispondere ha addirittura accennato un paragone con Hugo Chavez, il dittatore venezuelano: “Non può essere dato, se non a Chavez in Venezuela, la possibilità a un Capo del governo di intervenire su quel che vuole, e quando vuole. Perché questa non è democrazia”, ha detto.

Dopo le parole di Mentana crollo degli ascolti del Tg di La7

Subito dopo, Mentana si è rivolto a chi lo ha contestato, definendoli “cari odiatori”, per sottolineare come nella sua carriera abbia volontariamente ridotto i tempi, per esempio, della messa in onda delle video cassette inviate da Berlusconi al Tg5 (quando era editore), rivendicando che “invece dell’originale durata di 9 minuti” lui ne trasmise solamente 4. Quello che però, dal discorso, sembra essergli andato meno giù, è l’essere stato collocato a favore di Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Mentana, infatti, ha anche sottolineato quante volte abbia criticato l’operato del leader della Lega. Ma questo non sembra assolutamente c’entrare nulla con le parole dichiarate durante la conferenza di Conte, e nemmeno con le polemiche che hanno scaturito.

Quello che le persone non hanno accettato non è il pensiero personale del direttore, ma l’idea che ci possa essere una manipolazione, e una strumentalizzazione, dell’informazione. Perché il messaggio che è passato, purtroppo, è proprio questo. E a quel punto i vari slogan che riempiono gli schermi ultimamente, quelli sul fidarsi “dei professionisti dell’informazione”, in un attimo rischiano di perdere credibilità. Perché sì, “l’informazione è una cosa seria”. Questo le persone lo sanno, e il calo degli ascolti che è avvenuto dopo le parole di Mentana ne è la dimostrazione: il Tg di La7 ha perso quasi 600.000 spettatori del serale e dimezzato gli ascolti nella sua edizione del giorno.

Ascolti del 10/04/20
Telegiornali (dati auditel)
TG1Ore 13.30 5.234.000 (23.8%)Ore 20.00 7.795.000 (27.4%)
TG2Ore 13.00 3.174.000 (15.5%)Ore 20.30 2.552.000 (8.5%)
TG3Ore 14.25 2.971.000 (15.5%)Ore 19.00 2.783.000 (12.2%)
TG5Ore 13.00 4.579.000 (22.2%)Ore 20.00 5.321.000 (18.5%)
STUDIO APERTOOre 12.25 2.075.000 (12.7%)Ore 18.30 1.104.000 (5.7%)
TG4Ore 12.00 471.000 (3.5%)Ore 18.55 1.013.000 (4.1%)
TGLA7 Ore 13.30 1.019.000 (4.7%) Ore 20.00 1.821.000 (6.3%)

Ascolti del 12/04/20 Mentana ha fatto la sua sparata l’ 11/04/20 (il giorno prima):
Telegiornali (dati auditel)
TG1Ore 13.30 6.397.000 (29.7%)Ore 20.00 6.873.000 (25.1%)
TG2Ore 13.25 2.854.000 (13.4%)Ore 20.30 2.926.000 (10.1%)
TG3Ore 14.25 3.161.000 (15.8%)Ore 19.00 3.293.000 (14.7%)
TG5Ore 13.00 3.999.000 (18.7%)Ore 20.00 5.795.000 (21%)
STUDIO APERTOOre 12.25 2.163.000 (10.9%)Ore 18.30 1.324.000 (6.6%)
TG4Ore 12.00 487.000 (2.6%)Ore 18.55 1.117.000 (5%)
TGLA7 Ore 13.30 686.000 (3.2%) Ore 20.00 1.262.000 (4.6%) >>Tutte le notizie di UrbanPost

Matteo Salvini, è ancora polemica: “Trattare con l’Ue senza il voto delle Camere è fuori legge”

coronavirus app

Coronavirus app tracciamento contagi, si chiamerà “Immuni”: ecco come funzionerà