in

Di Mare: «Da Fedez manipolazione dei fatti, nessuna censura in Rai. Valutiamo querela»

Fedez Rai censura Primo Maggio. «Si tratta di una polemica basata sulla manipolazione dei fatti, che avrebbe dovuto dimostrare nelle intenzioni dell’autore l’esistenza di una censura che non c’è mai stata». Così il direttore di Rai 3 Franco Di Mare in commissione Vigilanza Rai, dove è stato convocato per quanto accaduto con il rapper. L’ex inviato di guerra ha puntualizzato che «la Rai non ha chiesto nulla» e che le modifiche al testo a favore del ddl Zan «sono state in capo all’organizzazione».

leggi anche l’articolo —> Fedez e il Concertone del Primo Maggio: Franco Di Mare convocato in Vigilanza Rai

franco di mare

Fedez Rai censura, Di Mare: «Manipolazione dei fatti. Valutiamo querela»

La responsabilità quindi sarebbe della società organizzatrice, secondo Franco Di Mare, che poi però ha aggiunto: «La Rai ha il diritto di sapere cosa accadrà, perché è responsabile della messa in onda». «Allora a che titolo la vicedirettrice di Rai3 partecipa a una conversazione in cui autori e organizzatori mi dicono di andare cauto nel fare nomi e cognomi e giudica lei stessa il mio intervento inopportuno se la Rai non c’entrava una mazza in questa cosa?», ha replicato il cantante su Instagram. Secondo il direttore di Rai 3, Fedez avrebbe manipolato la telefonata nella sua prima versione pubblicata sui social.

L’avrebbe «montata spostando domande e risposte (…) Si tratta di un imbroglio», ha detto Di Mare. Il video è stato poi pubblicato anche nella sua versione audio integrale. «Perché la Rai una volta sceso dal palco pubblica un comunicato stampa in cui dice che non c’è stato alcun tentativo di intervento nei confronti del mio discorso. Io pubblico una telefonata in cui l’oggetto della conversazione è tentare di modificare il mio discorso», ha sottolineato Fedez. «A tutta la conversazione partecipa la vicedirettrice di Rai3», ha rimarcato l’artista.

fedez rai censura

L’autodifesa del direttore di Rai 3

Franco Di Mare nella sua autodifesa, rivolgendosi ai parlamentari, ha aggiunto: «La verifica è necessaria, certo, ma un eccesso può diventare un impedimento al libero svolgimento del lavoro. Noi rendiamo conto sia degli inviti fatti sia di quelli non fatti. Quando mi hanno chiesto delle frasi della Littizzetto, la domanda sottesa è stata: ‘ma voi non controllate i testi?’ Non sapete cosa dice Luciana Littizzetto?’. Ma allora mettiamoci d’accordo, se io devo sapere cosa dice la Littizzetto, allora devo sapere anche cosa dice Fedez, o no?», ha chiesto il direttore di Rai 3.

E ancora: «Sono diventato direttore ad interim di Rai3 il 20 maggio 2020. Non è ancora trascorso un anno e in questo tempo la rete è stata oggetto di 29 interrogazioni parlamentari, la maggior parte delle quali riguarda le inchieste di Report, ma si arriva fino alle battute di Luciana Littizzetto a ‘Che tempo che fa’. Io so benissimo che si tratta di un diritto-dovere della politica l’azione di verifica e di controllo del servizio pubblico radiotelevisivo, ma mi chiedo se sia questa la strada migliore per mettere noi operatori del servizio pubblico nella condizione adeguata per lavorare al meglio. Io ho qualche dubbio», ha dichiarato Franco Di Mare.

Fedez censura Rai Di Mare replica: «Non tutto il male viene per nuocere e possiamo trarne un insegnamento»

Ma da tutto si può imparare: «In Parlamento giacciono diverse proposte di riforma della Rai. Come diceva De André dai diamanti non nasce niente, ma dal letame nascono i fiori. Ecco io penso che perfino dalle scorie, dai veleni creati da questa storia inventata e falsa ci sia la possibilità di trarne qualche beneficio. Non tutto il male viene per nuocere e possiamo trarne un insegnamento», ha continuato Di Mare. «Mi dite di rivolgermi alla Procura della Repubblica contro Fedez? Credo sia sufficiente una querela per diffamazione con richiesta civile di danni considerato che esiste un danno di immagine e che la reputazione oggi è una cosa importantissima nella vita economica di un’Azienda e nella vita professionale di ciascuno di noi. E questo danno c’è stato. ma è una cosa che dovrà valutare la nostra leadership, diciamo così», ha concluso il direttore di Rai 3. Leggi anche l’articolo —> Chi è Giulia Berdini, la fidanzata di Franco Di Mare

Omicidio Cerciello Rega

Omicidio Cerciello Rega: i due americani dovranno scontare la pena con l’ergastolo

Biden vaccini

USA, Biden ha annunciato la sospensione dei brevetti per combattere il coronavirus: è una svolta epocale