in

Farmacie, Figliuolo: «Tamponi anche dopo l’orario di servizio e nei giorni chiusura»

Con l’introduzione dell’obbligo del Green Pass sul posto di lavoro le farmacie sono in affanno per l’incremento della domanda di tamponi. Lunghe code in tutta Italia: da Bolzano a Roma; in molte città i test non saranno accessibili per tutta la settimana. Vista la situazione il Commissario straordinario per l’emergenza Covid Francesco Figliuolo, sentito il Ministero della Salute, ha chiesto alle Regioni di agevolare le farmacie affinché «possano continuare a effettuare i tamponi antigenici rapidi oltre gli orari di servizio e nelle giornate di chiusura». Non solo: Figliuolo ha anche invitato le farmacie a fare tamponi «nei casi in cui i soggetti non si siano prenotati». A dare la notizia la Federazione degli ordini dei farmacisti italiani. I farmacisti, afferma la Fofi, «sapranno sfruttare questa opportunità per rendere un servizio ancora più efficace ed efficiente».

leggi anche l’articolo —> Green pass, farmacie prese d’assalto: forze dell’ordine costrette ad intervenire

figliuolo farmacie

Farmacie, Figliuolo: «Tamponi anche dopo l’orario di servizio e nei giorni chiusura»

La Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, si legge in una nota, riportata da “La Nazione”, «ringrazia il Commissario straordinario per l’emergenza Covid, Generale Francesco Figliuolo, per aver accolto la sua proposta di ampliare l’esecuzione dei tamponi rapidi nelle farmacie, al fine di rispondere all’obbligo della certificazione verde sui luoghi di lavoro». La richiesta, infatti, era partita dalla Fofi stessa, allarmata dal numero crescente della richiesta di tamponi in tutta Italia. Nonostante il lavoro indefesso dei farmacisti nelle scorse ore non pochi lavoratori e lavoratrici si sono visti costretti a tornare a casa senza essere stati ‘tamponati’: alcuni hanno dovuto così prendere un giorno di malattia. Ma per quanto tempo si potrà andare avanti così?

figliuolo farmacie

Boom di certificati di malattia con il Green Pass obbligatorio al lavoro

In base ai dati registrati sul sito ufficiale del governo le certificazioni verdi rilasciate tramite tampone negativo sono state 914mila nella giornata di lunedì 18 ottobre. Ed è un dato record, se si tiene conto che erano state 653mila nella giornata di venerdì 15 ottobre, giornata di avvio del Green Pass obbligatorio al lavoro. Un altro numero che deve far riflettere è quello del boom dei certificati di malattia: l’Inps lunedì 18 ottobre ne ha ricevuti 152.780 rispetto ai 133.270 del lunedì precedente, con un incremento del 14,6%. Leggi anche l’articolo —> Draghi: «In Italia campagna vaccinale più spedita della media Ue» [VIDEO]

figliuolo farmacie

 

Seguici sul nostro canale Telegram

riforma pensioni draghi

Riforma delle pensioni, Draghi manda in soffitta Quota 100: la Lega fa muro

Salvini meloni

Il risiko del Quirinale alle porte: come il centrodestra ha intenzione di giocarsi la partita