in

Incidente a Genova, scooter finisce contro bus Amt: la vittima una 36enne

Genova incidente oggi – Giovedì 18 novembre 2021. Schianto mortale in via dei Mille a Sturla, poco dopo le 8 di stamani, a pochi passi dal commissariato di Polizia. Non è ancora chiara la dinamica del sinistro, che ha visto coinvolti un bus della linea 15 e uno scooter. La persona alla guida del mezzo a due ruote non ce l’ha fatta: la donna, classe 1985, ha avuto la peggio.

leggi anche l’articolo —> Incidente a Rimini, due 14enni investite mentre andavano a scuola

incidente Genova

Incidente a Genova, scooter finisce contro bus Amt: la vittima una 36enne

Brutto incidente nelle prime ore del mattino a Genova. È morta, nonostante i lunghi tentativi di rianimazione dei soccorritori, la donna di 36 anni finita sotto un bus Amt, mentre era in sella al proprio scooter in via dei Mille a Sturla. Il 118 è intervenuto immediatamente con l’automedica, ma le condizioni della donna sono sembrate subito gravi. Vano ogni tentativo di rianimazione, purtroppo la giovane è deceduta. La donna, di cui le generalità non sono state ancora rese note per poter avvisare i familiari, lavorava come medico all’ospedale Galliera di Genova. La dinamica è dai contorni ancora poco definiti: stando alle prime ricostruzioni la 36enne avrebbe cercato di evitare un ciclista, mentre viaggiava in direzione centro, quando è finita l’autobus. Pare che prima dell’impatto la 36enne abbia avuto un contatto anche con un’auto che andava in senso opposto. Sul posto gli agenti della polizia locale che hanno chiuso sia via dei Mille che via Redipuglia. Un sinistro che ha avuto ripercussioni sulla viabilità. Forti rallentamenti nella zona di Sturla. Leggi anche l’articolo —> Uccide moglie, figli piccoli e suocera, poi si toglie la vita: strage familiare a Sassuolo

incidente Genova

Seguici sul nostro canale Telegram

incontro governo regioni

Green pass rafforzato, oggi l’incontro del Governo con le Regioni: le misure per i no vax

no green pass Roma

No Green Pass, 29 perquisizioni in giro per l’Italia ad attivisti trovati su Telegram