in

Giornata delle Forze Armate, Draghi “scivola” sul Milite Ignoto. Meloni: «Indecente»

Giornata delle forze Armate 2021 – Oggi 4 novembre si tiene la cerimonia di tumulazione del Milite Ignoto collocato al centro dell’Altare della Patria a Roma. La salma, come tanti sapranno, è stata scelta da Maria Bergamas, a rappresentare non solo il figlio Antonio, deceduto in guerra nel 1916, ma anche tutti i caduti senza nome. E proprio sul Milite Ignoto è scivolato il Presidente del Consiglio Mario Draghi: la prima gaffe clamorosa del governo, dello staff del premier. Su tutte le furie l’esponente di Fratelli di Italia Giorgia Meloni, che non ha perso l’occasione per attaccare i collaboratori dell’ex numero uno della Bce.

leggi anche l’articolo —> “Il Salvini furioso”, pizza indigesta quella tra Giorgetti e Di Maio | Retroscena

draghi milite ignoto

Giornata delle Forze Armate, Draghi “scivola” sul Milite Ignoto. Meloni: «Indecente»

Oggi cade il centesimo anniversario dalla tumulazione del Milite Ignoto. La tomba è posta al centro dell’Altare della Patria, proprio sotto la Dea Roma, presso il complesso del Vittoriano. Si tratta della salma scelta da Maria Bergamas, a rappresentare il figlio Antonio, arruolatosi come volontario nell’esercito italiano e morto sull’Altipiano di Asiago. La donna la indicò tra undici bare senza nome all’interno della basilica di Aquileia. Quando si recò lì, Maria Bergamasco indossava uno scialle nero; passò accanto ad ogni bara e giunta dinnanzi alla decima urlò «Antonio» e vi si accasciò sopra. Stando a quanto raccontato dalla figlia Anna, la madre avrebbe voluto scegliere l’ottava o la nona bara, perché erano i numeri che le richiamavano la nascita e la morte di Antonio. Davanti a quelle undici salme però la signora si sentì tremare dall’emozione e non riuscì a dire neppure una parola. Optò a gran sorpresa per la decima affinché quel simbolo diretto a Roma fosse davvero un soldato ignoto. Senza alcun legame, privo di vincolo. Una storia commovente: Maria rappresenta ancora oggi tutte quelle madri che hanno perso i loro figli in battaglia. Gli eroi morti durante la Grande Guerra. 650mila soldati che non hanno fatto ritorno. E sul Milite Ignoto è scivolato Mario Draghi. Come riporta «Il Riformista» qualche giorno fa è stata postata sui social e prontamente rimossa da tutti gli account dell’esecutivo la locandina pubblicata della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la commemorazione del 4 novembre 2021. Un’immagine però che non ha nulla a che vedere con la storia del soldato italiano caduto sul fronte.

draghi milite ignoto

La locandina sbagliata del Milite Ignoto

Nell’immagine pare sia stata utilizzata una cartolina del 1950 raffigurante i soldati di Porto Rico durante il conflitto in Corea. Osservando i dettagli si intuiscono, infatti, i nomi della città di Cartagena, così come la dicitura ‘Regio del Peru’. Lo sfondo mostra un’altra cartina geografica, non l’Italia. Una rappresentazione che nulla ha a che fare con il Milite Ignoto. In breve tempo l’immagine  ha suscitato un’ondata infinita di polemiche, prima sui social, poi anche in Parlamento. Alcuni hanno addirittura minacciato annunci di interrogazioni parlamentari. «Più che arrabbiati siamo amareggiati vista l’importanza attribuita al centenario del Milite Ignoto dalle varie amministrazioni, anche locali, dalle Forze armate e da diverse istituzioni scolastiche», hanno scritto in una nota alcuni deputati di Fratelli d’Italia.

stato emergenza

Giorgia Meloni all’attacco: «Ma come è possibile tale sciatteria? Chi ha autorizzato questo scempio?»

Sul piede di guerra Giorgia Meloni: «Clamoroso errore della Presidenza del Consiglio dei Ministri: sui profili social della Struttura di Missione per gli anniversari nazionali di Palazzo Chigi viene postata una grafica istituzionale per il centenario del Milite Ignoto che però non c’entra assolutamente niente con la nostra storia nazionale. Si vedono, infatti, dei soldati Usa della Seconda guerra mondiale e una porzione di cartina geografica che non è l’Italia». E ancora: «Ma come è possibile tale sciatteria? Chi ha autorizzato questo scempio? Fratelli d’Italia presenterà un’interrogazione al Governo, al premier Draghi e al ministro delegato Dadone, per conoscere i responsabili di questa indecenza», l’affondo duro della leader di FdI.

draghi milite ignoto

Draghi e la gaffe sul Milite Ignoto: le scuse dello staff

Nella serata del 24 ottobre sono arrivate prontamente le scuse da parte dello staff di Draghi. Dichiarazioni riportate da “Libero Quotidiano” e dal “Riformista”: «Per un refuso durante le attività di selezione è stata diffusa una immagine inesatta. Abbiamo provveduto a rimuoverla e sostituirla. Pur trattandosi di episodio verificatosi nel contesto di carichi di lavoro particolarmente intensi, saranno adottati provvedimenti. La Struttura di missione esprime sentito rincrescimento, scusandosi per l’errore compiuto». Capita a tutti di sbagliare, no? Finora lo staff che si occupa dei canali social di Draghi ha lavorato con serietà, senza commettere errori grossolani. I collaboratori scelti dal premier hanno adottato in questi mesi una linea decisamente “british”, asciutta. Essenziale. In perfetto stile col personaggio. Draghi non ha infatti né Facebook né Instagram: ai messaggi di Whatsapp sembra preferisca le telefonate. Episodio chiuso dunque? Lo strafalcione era stato riportato anche dal «Corriere della Sera», in un articolo in cui si elencavano le tante gaffe dei politici. E il premier è in buona compagnia.

Alle 10 di oggi, lo ricordiamo, Draghi parteciperà alla deposizione di una corona, da parte del Capo dello Stato, sulla tomba del Milite Ignoto in occasione del ‘Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate 2021’Leggi anche l’articolo —> “Mario c’est super”. Elogi à gogo da «Le Figaro» per Draghi: Italia irriconoscibile

draghi milite ignoto

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Como, incidente mortale moto contro un palo: morto uomo 56 anni

milite ignoto storia

Centenario del Milite Ignoto: la vera storia del soldato scelto da Maria Bergamas