in

Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia: la minaccia del Covid

Il 20 novembre è la Giornata mondiale per i diritti dell’infanzia. In questa data, infatti, cade l’anniversario dell’approvazione – da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite – della Convenzione sui diritti dell’infanzia. Quest’anno la giornata universale per i bambini e gli adolescenti assume un’importanza ancora più rilevante, alla luce dell’impatto che la pandemia ha avuto e continua ad avere sui loro diritti.

>> Covid regioni, oggi Speranza potrebbe dichiarare delle nuove zone rosse o arancioni

giornata mondiale diritti infanzia

La Convenzione Onu sui diritti del bambino e dell’adolescente

Ratificata nel 1989, la Convenzione per i diritti dei bambini e degli adolescenti è divenuta il trattato in materia di diritti umani con il più alto numero di ratifiche. Ad oggi sono infatti 196 gli Stati che si sono vincolati giuridicamente al rispetto dei diritti in essa riconosciuti. L’Italia ha ratificato la Convenzione il 27 maggio 1991 con la legge n. 176. Il documento si fonda su quattro princìpi: la non discriminazione; il superiore interesse dei bambini; il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo; l’ascolto delle opinioni del minore.

L’educazione, naturalmente, è considerato un diritto fondamentale che i singoli Stati si impegnano a garantire. I firmatari hanno infatti il dovere di adottare misure per promuovere la diminuzione del tasso di abbandono della scuola e la regolarità della frequenza. La Convenzione ha avuto un impatto positivo importantissimo a livello globale. Il tasso globale di mortalità tra i bambini sotto i 5 anni, ad esempio, è diminuito del 60% circa e il numero di minori che non frequenta la scuola primaria è sceso dal 18 all’8%.

L’impatto del Covid sui bambini nel mondo

Tuttavia la pandemia ha messo a rischio i diritti dei bambini e e degli adolescenti. «Durante tutta la pandemia di COVID-19 si è diffuso il mito persistente secondo cui i bambini sono a malapena colpiti dalla malattia. Niente potrebbe essere più lontano dalla realtà», ha dichiarato Henrietta Fore, Direttore Generale dell’UNICEF. «I bambini possono ammalarsi e diffondere la malattia, ma questa è solo la punta dell’iceberg della pandemia. Le interruzioni dei servizi chiave e l’impennata dei tassi di povertà rappresentano la più grande minaccia per i bambini. Più la crisi persisterà, più profondo sarà il suo impatto sull’istruzione, la salute, la nutrizione e il benessere dei bambini. Il futuro di un’intera generazione è a rischio».

L’UNICEF, in occasione di questo anniversario ha condotto diversi studi e portato avanti varie iniziative. Secondo il rapporto “Evitare una generazione perduta a causa del COVID”, le interruzioni dei servizi sanitari e sociali fondamentali per i bambini causate dal COVID rappresentano la minaccia più grave per i bambini. Utilizzando i nuovi dati di sondaggi dell’UNICEF condotti in 140 paesi, il rapporto ha rilevato un calo del 40% nella copertura dei servizi di nutrizione per donne e bambini in 135 paesi. A ottobre 2020, 265 milioni di bambini perdevano ancora i pasti scolastici a livello globale. Più di 250 milioni di bambini sotto i 5 anni potrebbero perdere i benefici dei programmi di integrazione di vitamina A, che proteggono la vita. Inoltre, 65 Paesi hanno registrato una diminuzione delle visite a domicilio degli assistenti sociali a settembre 2020, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
diritti infanzia

Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia

“The future we want. Essere adolescenti ai tempi del Covid-19” è un rapporto condotto da UNICEF Italia. Il rapporto punta a far conoscere come l’emergenza sanitaria abbia cambiato la percezione che gli adolescenti in Italia hanno del proprio benessere, l’impatto che il Covid-19 ha avuto sulle loro vite e le lezioni da trarre per un futuro più equo e sostenibile. Una delegazione dell’UNICEF Italia composta da bambini e ragazzi e accompagnata dalla Presidente della Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani, la senatrice Stefania Pucciarelli, presenterà il Rapporto alla Presidente del Senato Alberti Casellati oggi, 20 novembre.>> Tutte le news di UrbanPost

como

Como, morto di Covid il medico in pensione tornato a fare il volontario nel suo ospedale

Nuovo Dpcm Natale, cosa sta programmando il governo: dalla riapertura dei ristoranti all’orario lungo dei negozi