in

Giro d’Italia 2020 rinviato per l’emergenza coronavirus

Il Giro d’Italia 2020 slitta. Non partirà il 9 maggio 2020 a causa dell’emergenza Covid-19“Rcs Sport, vista la situazione nazionale e internazionale, comunica che viene posticipata la data del Giro d’Italia 2020. La nuova data sarà annunciata non prima del 3 aprile quando termineranno le disposizioni previste dal D.P.C.M. del 4 marzo 2020 e dopo che l’organizzazione si sarà confrontata con il Governo, gli Enti locali e territoriali e le Istituzioni sportive italiane e internazionali”, si legge in in una nota di Rcs Sport.

Giro di Italia 2020

Giro d’Italia 2020 rinviato per il coronavirus

Niente da fare, il Giro d’Italia 2020, appuntamento imperdibile per decine di appassionati, slitterà in avanti. Una notizia, che non arriva certamente come una ‘doccia fredda’, tenendo conto delle gravi difficoltà in cui versa il nostro paese, ma che comunque lascia amareggiati. La decisione è arrivata direttamente dal governo dell’Ungheria, dal momento che proprio il paese magiaro avrebbe dovuto ospitare le tappe iniziali della arcinota corsa. Difficile dire quando si svolgerà la kermesse. Gli organizzatori sono al lavoro per stabilire una nuova data. L’unico fatto certo è che il Giro di Italia non potrà aver luogo il 9 maggio, come anzitempo stabilito.

segui anche —> Coronavirus ultime notizie: la diretta dall’Italia “chiusa” fino al 25 marzo – LIVE BLOG

giro di italia 2020

La decisione del governo ungherese: «Stato di emergenza»

“Il Governo ungherese a causa del diffondersi del Coronavirus ha dichiarato lo stato di emergenza che proibisce l’organizzazione di eventi di massa e rende impossibile organizzare eventi internazionali. Di conseguenza il Comitato Organizzatore delle tappe ungheresi del Giro d’Italia ha dichiarato l’impossibilità di ospitare la Grande Partenza della Corsa Rosa in Ungheria nelle date inizialmente previste. Le parti hanno ribadito la loro determinazione a lavorare insieme per consentire al Giro dItalia di partire dall’Ungheria in una data successiva”, viene spiegato sempre nel comunicato della RCS Sport. Difatti l’Ungheria, dove finora le autorità hanno confermato 19 casi di infezione, mercoledì scorso, ha introdotto misure di emergenza, che vietano gli eventi all’aperto. Le prime tre tappe del Giro 2020 avrebbero dovuto svolgersi dal 9 all’11 maggio.

leggi anche l’articolo —> Coronavirus, bresciano muore a 38 anni: è la più giovane vittima di Italia

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

coronavirus emergenza carenza sangue

Coronavirus emergenza, carenza di sangue negli ospedali: «Donate!», a rischio interventi chirurgici

coronavirus aiuti economici

Coronavirus, aiuti economici: ipotesi di 500 euro per tre mesi per autonomi, Co.co.co e Partite Iva