in

Gli attori italiani che hanno recitato in film e serie tv straniere

In questo mondo sempre più globalizzato anche la cinematografia non è più caratterizzata da film prodotti da un singolo Paese e recitati da attori della stessa origine. Sempre più spesso possiamo infatti assistere a cast misti, in cui attori coreani dialogano abilmente in inglese con i loro colleghi spagnoli, come è stato nel caso di Sense8, la serie scritta dalla sorelle Wachowski, che ha fatto dell’interculturalità il suo cavallo di battaglia. Grazie a questa apertura delle frontiere di film e serie tv, sono sempre di più gli attori italiani a fare il grande passo e a interpretare ruoli in pellicole straniere, in particolare statunitensi. Dividendosi fra serie tv e film, queste star nostrane si stanno ora facendo un nome anche oltreoceano.

In inglese sul piccolo schermo

Una serie come Marco Polo, disponibile su Netflix e cancellata dopo due stagioni, non poteva non avere un attore italiano nel ruolo di protagonista. Dopo lunghe ricerche la scelta è caduta sul ligure Lorenzo Richelmy che però, prima di poter recitare abilmente le battute del suo personaggio, ha dovuto prendere lezioni private di inglese per migliorare le sue conoscenze linguistiche. Al suo fianco nella serie svetta uno degli attori italiani più amati dal pubblico internazionale nel ruolo del padre di Marco: Pierfrancesco Favino. Già famoso per il suo ruolo in Gomorra, Fortunato Cerlino è stato notato anche all’estero grazie alla sua interpretazione dell’ispettore Rinaldo Pazzi nella serie tv firmata NBC Hannibal. Liberamente ispirata dai libri di Thomas Harris editi da Mondadori, la serie è nota per le sue atmosfere cupe, dialoghi complessi e ambigui personaggi in cui Fortunato Cerlino ha trovato subito la sua posizione con una performance che non ha avuto nulla da invidiare a quella delle star della serie come Mads Mikkelsen o Hugh Dancy,

Chi di noi non ama Game of Thrones? In Italia sono moltissimi gli appassionati di questa serie firmata HBO, che, nell’attesa per l’uscita del prequel House of the Dragon previsto per il 2022, continuano ad approfondire le loro conoscenze del mondo di George R. R. Martin guardando i video YouTube di canali come Il mondo del Ghiaccio e del Fuoco o ricercano nei loro giochi preferiti l’atmosfera di Westeros come nella slot machine online di Betway Casinò Game of Thrones, in cui i giocatori possono interpretare i membri di una delle casate principali. Pochi però sanno che tra il cast della serie ha avuto un ruolo anche un’attrice italiana: Rosabell Laurenti Sellers. Nata negli USA da madre statunitense e padre italiano, l’attrice si è trasferita in Italia a dieci anni recitando in molte pellicole nostrane, ma ha preso parte alla produzione di Game of Thrones nel ruolo di Tyene Sand, una delle serpi delle sabbie.
Game of Thrones non è l’unica serie HBO ad avere un’attrice italiana nel cast. Valentina Cervi, attrice romana classe 1974, ha alle spalle una lunga carriera nel cinema internazionale e nel 2011 ha dato il volto al personaggio di Salome Agrippa nella serie True Blood tratta dai romanzi del Ciclo di Stookie Stackhouse di Charlaine Harris editi da Fazi Editore. Se i ruoli interpretati dagli attori italiani sono raramente quelli dei protagonisti, così non è stato per Gabriella Pession, che dal 2013 al 2015 ha fatto parte del cast della serie poliziesca Crossing Lines interpretando l’importante personaggio di Eva Vittoria.

Star italiane sul grande schermo

Anche nel firmamento dei lungometraggi brillano molte stelle italiane, alcune ormai ospiti abituali dei registi stranieri. Una di queste è sicuramente Valeria Golino, che per anni si è destreggiata tra pellicole nostrane e apparizioni in film dal calibro internazionale. Tra questi spiccano ruoli come quello in Rain Man – L’uomo della pioggia con Tom Cruise, Four Rooms di Quentin Tarantino e Frida, film che racconta la tragica vita della pittrice Frida Kahlo. In Italia lo conosciamo principalmente per Tre metri sopra il cielo o per la sua recente apparizione in Loro di Paolo Sorrentino, ma Riccardo Scamarcio sembra aver da lungo puntato all’estero apparendo in diversi lungometraggi stranieri, cominciando con un’apparizione nel film francese Polisse nel 2011, vincitore del premio della giuria del festival di Cannes. L’anno successivo Woody Allen lo scelse nel cast di To Rome with Love, lungometraggio distribuito da Medusa Film ambientato nel nostro Paese, e le apparizioni di Scamarcio proseguirono in film del calibro di Il sapore del successo, al fianco di Bradley Cooper, e John Wick – Capitolo 2 in cui interpreta il capo mafioso Santino d’Antonio.

La nostra star per eccellenza, Sophia Loren, vanta numerose apparizioni nel cinema internazionale a partire dagli anni ‘50 che la videro recitare al fianco di attori come Cary Grant, Jonh Wayne e Charlie Chaplin. Ormai ritirata dalla scene, tra le ultime interpretazioni dell’attrice spicca il musical Nine del 2009, reinterpretazione musicale di di Fellini, in cui la Loren interpreta la signora Contini, la madre del protagonista. Amato dal grande schermo come dal mondo delle serie tv, Pierfrancesco Favino è ormai uno degli attori italiani di punta nel panorama anglofono, tanto da essere apparso nel 2009 in uno dei film più attesi dell’epoca, Angeli e Demoni. La pellicola, tratta dall’omonimo libro disponibile su Ibs, fa parte di quei prodotti nati dal grande successo delle opere di Dan Brow tra cui spicca anche Il codice Da Vinci, come il Roma Tour Angeli e Demoni organizzato da Tour in Rome. Ma la carriera internazionale di Favino non è finita qui: la sua più recente apparizione risale al 2018 in The Catcher Was a Spy, film diretto da Ben Lewin e ambientato durante la seconda guerra mondiale.

L’epoca dei grandi film all’italiana è ormai un ricordo lontano, ma le star nostrane possono ancora diventare note a livello internazionale entrando nel cast di film e serie tv straniere di successo straniere. Sebbene la maggior parte dei ruoli assegnati agli attori nostrani siano secondari, la loro presenza si sta facendo sempre più forte nel panorama oltre oceano e alcune case di produzione, come Netflix, hanno sfruttato il grande potenziale offerto dalle star italiane dando loro il ruolo di protagonista.

Matteo Salvini sconfitto al Pilastro e a Bibbiano: «Ha alzato troppo i toni»

Georgina Rodriguez sbarca (e con che look) a Sanremo: accordati i 140 mila euro?