in

Governo, Draghi: «I ministri li scelgo io», Pd e M5s spiazzati da Salvini

Governo Draghi nomi ministri in lizza – Domenica 7 febbraio 2021. «Non accetto indicazioni dai partiti, i ministri li scelgo io». Così avrebbe detto Mario Draghi al Movimento 5 Stelle che aveva portato addirittura Beppe Grillo per alzare la posta. Il premier incaricato non ha ancora deciso se si tratterà di esponenti d’area o di partito. I nomi in ballo sono diversi, ma la scelta è delicata, anche perché alcuni hanno già avuto contrasti con Italia Viva o il M5s.

leggi anche l’articolo —> “Non si può andare avanti a colpi di no. Nessun pregiudizio”, Salvini apre a Draghi

Governo, Draghi: «I ministri li scelgo io», Pd e M5s spiazzati da Salvini

Come spiega “Today” se all’inizio si ragionava attorno al “modello Ciampi”, vale a dire un esecutivo guidato da un tecnico, ma composto in larga parte da politici, oggi starebbe prendendo piede l’ipotesi opposta, ovvero quella di avere una forte prevalenza di tecnici e alcuni “ministri d’area”. Uno schema che ricorderebbe il governo varato da Lamberto Dini dopo la prima caduta di Berlusconi. Era il 1994, certamente non c’era la pandemia, ma l’Italia affrontava i postumi di Tangentopoli, della Caduta del Muro di Berlino che ridisegnò l’assetto geopolitico dei popoli. La Prima Repubblica era finita, un mondo nuovo si apriva. Proprio come oggi, perché è chiaro che Mattarella abbia chiamato Draghi per segnare una svolta, chiedendo lui di far fronte ad urgenze come il Recovery Plan, tout court all’emergenza sanitaria, culturale e sociale.

governo draghi nomi ministri

Un esecutivo misto: personalità esterne alla politica e figure dei partiti votati

La vera novità, che potrebbe portare al cambio di scenario Dini-Ciampi, è il sì del leader della Lega Matteo Salvini al governo Draghi, arrivato ieri dopo le consultazioni con il premier incaricato “con riserva”. Indeciso ancora sul da farsi il M5s che forse si “affiderà” alla piattaforma Rousseau. I nodi si scioglieranno a breve: nel secondo giro di consultazioni programmato a partire da lunedì 8 febbraio Draghi parlerà e spiegherà cosa intende fare con il suo governo. Come sarà? Secondo il “Corriere della Sera”, ci si avvia a varare un esecutivo misto composto da personalità esterne alla politica e da alcuni, che appartengono ai partiti votati. Ovviamente figure competenti e con grande spirito di collaborazione. L’agenzia di stampa “Ansa” ha fatto i nomi di Marta Cartabia alla Giustizia e di tecnici come Lucrezia Reichlin, Dario Scannapieco, Luigi Federico Signorini per il Mef. A detta di “Repubblica” Draghi sarebbe orientato ad avere una forte presenza femminile nella lista dei ministri. Per questo in squadra potrebbe esserci anche Emma Bonino, “europeista convinta e in ottimi rapporti con il banchiere”. Lo Sviluppo Economico potrebbe andare all'”amico” di Draghi Giancarlo Giorgetti, numero due della Lega. Ma tra i favoriti anche Marcella Panucci, ex direttore generale di Confindustria e oggi proprio nuovo Segretario Generale del Ministero dello Sviluppo Economico (Mise). Per l’Istruzione resterebbe in piedi l’ipotesi Patrizio Bianchi, per l’Università la rettrice della Sapienza Antonella Polimeni.

governo draghi nomi ministri

Governo Draghi i nomi dei ministri possibili

Veniamo ai politici: “La Stampa” scrive che tra i confermati potrebbe esserci ancora una volta Luigi Di Maio, che sarà uno dei due o tre ministri in quota M5s. L’altro potrebbe essere Stefano Patuanelli. Terzo posto se lo giocano Conte o Crimi. Per il Pd ci sono in corsa Andrea Orlando, Lorenzo Guerini, Dario Franceschini e Graziano Delrio (ma i posti sono solo due). Per la Lega si parla di Giulia Bongiorno e Gianmarco Centinaio. Antonio Tajani e Mariastella Gelmini, invece, per la Lega. Per Italia Viva ci sarebbero Teresa Bellanova ed Ettore Rosato. Leggi anche l’articolo —> Governo Draghi, Luigi Di Maio: «Ha indubbiamente un profilo prestigioso. Lo ascolteremo»

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Terremoto Filippine oggi

Terremoto Filippine oggi, forte scossa di magnitudo 6 sull’isola di Mindanao

Incidente A14 oggi

Incidente A14 oggi, grave tamponamento tra due mezzi pesanti e un furgone: due morti e un ferito