in

Green Pass base e Green Pass rafforzato: quali sono le differenze

Che differenza c’è tra il Green Pass base e il Green Pass rafforzato? Da oggi, 1 aprile 2022, termina lo stato d’emergenza: il governo Draghi ha dato il via al percorso di allentamento delle misure anti Covid. L’invito dell’esecutivo comunque è quello di non abbassare la guardia: la pandemia non è finita. Riportiamo le principali novità contenute nel decreto. 

leggi anche l’articolo —> Bassetti e la quarta dose di vaccino: “Se la facciamo, poi servirà anche la quinta”

green pass base e rafforzato

Green Pass base e Green Pass rafforzato: quali sono le differenze

Dal 1° aprile ci saranno notevoli cambiamenti: addio al sistema dei colori delle regioni, al Comitato Tecnico Scientifico, ma non solo. Veniamo all’uso del Green pass base che resta necessario per prendere i treni, aerei, stadio e concerti all’aperto, dove permane l’obbligo di mascherina. Occorre il certificato base per mangiare in un ristorante al chiuso o consumare del cibo al banco o al tavolo. È necessario invece il Super Green Pass per assistere ad eventi sportivi nelle strutture al chiuso. Ma anche per accedere a palestre, piscine, centri benessere, sport di squadra e di contatto. Super Green Pass e Ffr2 anche per feste organizzate in locali chiusi, come le discoteche. Ma veniamo alle differenze tra i due tipi di certificato.

green pass base

Cos’è il Green Pass booster

Per Green pass base si intende la Certificazione verde Covid 19 per vaccinazione, guarigione, test antigenico rapido o molecolare con risultato negativo. Invece il Green pass rafforzato è la Certificazione verde Covid 19 che si ottiene soltanto per vaccinazione o guarigione. Il green pass rafforzato non include, quindi, l’effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare. C’è poi il cosiddetto Green pass booster, che è la Certificazione verde Covid 19 rilasciata dopo la somministrazione della dose di richiamo, successiva al completamento del ciclo vaccinale primario.

green pass base e rafforzato

Obbligo vaccinale, le novità dal 15 giugno

In tema di vaccini il 15 giugno segna invece lo stop dell’obbligo per il personale scolastico, agenti di polizia e soccorso pubblico, militari, polizia locale. Queste categorie sono già rientrate al lavoro dal 25 marzo con il Green pass base. I professori, tuttavia, pur potendo rientrare a scuola non potranno stare a contatto con gli alunni. L’obbligo di vaccino decadrà il 15 giugno anche per gli over 50 e resterà in vigore fino al 31 dicembre 2022 per il personale sanitario e Rsa. Leggi anche l’articolo —> Cosa cambia dal 1°aprile: vademecum quarantena, contatti stretti e mascherine

 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

edy ungaro

Russia-Ucraina, ucciso l’italiano Edy Ongaro: Zelensky rimuove due generali “traditori”

Carol Maltesi

Omicidio Carol Maltesi, svelato il movente: “Uccisa perché voleva trasferirsi”