in

Green pass, dai trasporti alle università: cosa cambierà dal 1° settembre

Dal 6 agosto il green pass è diventato obbligatorio per alcune attività. Il Governo è al lavoro per ampliare l’utilizzo del certificato verde. Intanto sappiamo che dal 1° settembre il green pass servirà per alcuni trasporti e per frequentare l’università. Sarà necessario per salire a bordo di aerei, navi e treni a lunga percorrenza. Anche il personale e gli studenti universitari saranno obbligati ad esibire il pass.

green pass trasporti università

Green pass trasporti università: dove servirà dal 1° settembre

A Palazzo Chigi si parla di una possibile estensione del green pass anche per altre categorie lavorative. Per i dipendenti dei supermercati, per il trasporto pubblico e per i servizi essenziali il certificato potrebbe diventare obbligatorio. Ad oggi i viaggi all’interno del territorio nazionale non sono regolati da alcun controllo del green pass ma dal primo settembre le cose cambieranno. Sarà obbligatorio esibire il certificato per viaggiare su aerei, treni e navi in tutta Italia. L’obbligo vale dai 12 anni in su e non per il trasporto pubblico locale, così come bus, tram, metropolitane e treni regionali.

Da settembre con l’avvio del nuovo anno scolastico e accademico 2021/2022 in presenza il green pass sarà obbligatorio per tutto il personale scolastico e universitario e per gli studenti universitari. Nessuna pietà per chi sgarra. Chi non possiede il pass sarà bollato come assente ingiustificato e a partire dal 5° giorno scatta la sospensione.

ARTICOLO | Studente si fa tatuare il green pass sul braccio: “Così ce l’ho sempre con me”

ARTICOLO | Green pass traballa ancora: i gestori dei locali possono chiedere un documento d’identità?

green pass documenti

Green pass dove serve

Il pass servirà al rientro dall’estero. Il viaggiatore dovrà anche avere con sé il  PLF (Passenger Locator Form), senza il quale viene negato l’imbarco. Non basta una sola dose di vaccino per l’ingresso nel nostro Paese. Le regole per uscire dall’Italia variano da paese a paese: prima di partire è utile consultare il sito del ministero degli affari esteri.

Ad oggi il green pass è richiesto per entrare nelle mense aziendali, sia pubbliche che private, e la maggior parte degli industriali lo richiede anche in tutti gli spazi aziendali e produttivi. Confermato l’obbligo per ristoranti e al bar al chiuso, stadi, teatri, musei, parchi tematici, piscine, centri termali e palestre. Necessario anche per sale bingo e casinò, concorsi pubblici, sagre e fiere, oltre che ai matrimoni, nelle rsa, nei centri sociali e ai convegni. Obbligatorio anche per spostarsi tra zone rosse e arancioni.>>Tutte le notizie

Green pass scuola

Green pass obbligatorio per gli operatori scolastici da settembre: il chiarimento del ministro Bianchi

Sabrina Misseri e Cosima Serrano “detenute modello” pronte a chiedere permessi premio