in

Guerrina Piscaglia: resti umani in una grotta a Badia Tedalda, sono i suoi? Accertamenti in corso

Guerrina Piscaglia: ossa umane trovate nel comune di Badia Tedalda, in provincia di Arezzo. Analisi in corso sui resti rinvenuti a fine maggio da alcuni escursionisti nella grotta della Tabussa, zona Alpe della Luna, in una grotta nei dintorni di Badia Tedalda. Lo riferisce il “Corriere di Arezzo”. Non si esclude che quello scheletro possa appartenere alla casalinga scomparsa sei anni fa.

lettera anonima caso piscaglia

Resti umani in una grotta a Badia Tedalda: sono di Guerrina Piscaglia?

Sono quelli, infatti, i luoghi in cui viveva ed è scomparsa nel 2014 Guerrina Piscaglia. Il suo corpo non è mai stato ritrovato. Per il presunto omicidio della donna e occultamento di cadavere è in carcere, condannato in via definitiva a 25 anni di reclusione, padre Gratien Alabi. Il religioso congolese, che all’epoca dei fatti officiava a Ca’Raffaello (frazione di Badia Tedalda), sarebbe stato il presunto amante di Guerrina, accusato di averla uccisa perché lei lo pressava affinché potessero vivere la loro relazione segreta alla luce del sole.

La comparazione del Dna disposta dalla Procura fugherà certamente ogni dubbio. Si apprende che quei resti umani sarebbero affiorati dopo le recenti piogge, scoperti da un gruppo di escursionisti esperti. “Il ritrovamento è stato fatto alcuni giorni fa nella riserva dell’Alpe della Luna, una parte della parete della grotta ha ceduto e ha fatto riaffiorare sul lato sinistro queste ossa. Tra i resti incastonati nel fango si vede bene un femore”. Queste le parole del sindaco di Badia Tedalda, Alberto Santucci.

padre gratien battesimo

La scomparsa di Guerrina è ancor oggi un mistero

L’area in cui è avvenuto il ritrovamento ha una importante rilevanza storica. Secondo quanto riferito dalle testate locali, tuttavia, la posizione delle ossa, incastonate nella terra, farebbe ipotizzare si tratti di resti storici datati e forse risalenti alla seconda Guerra Mondiale. Al lavoro i Ris di Roma che stanno compiendo tutti gli accertamenti necessari per riuscire e datare quelle ossa. Se i resti risultassero femminili si procederà subito con gli esami del Dna.

Del ritrovamento sarebbe stato informato anche il sostituto procuratore Marco Dioni, titolare dell’inchiesta sul caso Guerrina Piscaglia. Sebbene infatti per la giustizia italiana Guerrina sia stata uccisa da padre Gratien, il suo corpo non è mai stato ritrovato; ciò lascia aperte tante ipotesi circa il modo in cui la donna abbia perso la vita. Il mistero sulla scomparsa di Guerrina Piscaglia è infatti tutt’altro che chiarito. Potrebbe interessarti anche —> Guerrina Piscaglia uccisa e fatta sparire: padre Gratien presto in regime di semilibertà potrà anche officiare messa 

conte capelli

Conte sentito dai magistrati di Bergamo per chiarire le mancate zone rosse

Shaila Gatta Instagram

Shaila Gatta Instagram, gli addominali scolpiti sono di marmo: «Che tartaruga!»