in

Il Doodle di oggi è dedicato a Boris Pasternak: lo scrittore avrebbe compiuto 131 anni

Oggi Boris Pasternak avrebbe compiuto 131 anni, e il Google gli dedica un Doodle. Lo scrittore e poeta Russo è l’autore di molte opere di rilievo la più famosa sicuramente è il Dottor Zivago. Andiamo a scoprire la sua storia.

>> Come il dodo delle Mauritius: perché alcuni Paesi hanno risposto peggio di altri alla pandemia

Boris Pasternak

Boris Pasternak: infanzia

Boris Leonidovich Pasternak è il figlio maggiore del pittore Leonid Pasternak e della pianista Roza Kaufman, e nacque a Mosca il 10 febbraio 1890. Suo padre insegnava arte nella scuola che essenzialmente fungeva da casa d’infanzia di Pasternak. Disegnava bene, per la gioia di suo padre, ma il suo primo amore fu la botanica e il secondo, la musica. Ispirato dal compositore Scriabin, amico di famiglia, Pasternak ha dedicato sei anni allo studio della composizione. Sebbene tutti pensassero che sarebbe diventato un musicista professionista, era diffidente nei confronti della sua mancanza di abilità tecniche. Nel 1909 abbandonò definitivamente la sua carriera musicale quando entrò alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Mosca. Presto si dedicò alla filosofia e, sebbene sembrasse dirigersi verso una carriera accademica, alla fine la abbandonò nel 1912 per perseguire la sua vera vocazione: la poesia. 

I primi due volumi

Lo scoppio della guerra trovò Pasternak sull’Oka, un fiume ottanta miglia a sud di Mosca, e nelle sue lettere di questo periodo le sue descrizioni del dolore del popolo prefigurano la sua successiva prosa e verso. Pasternak non era in grado di prestare servizio nell’esercito e trascorse la maggior parte del tempo tra il 1914 e il 1917 come impiegato presso uno stabilimento chimico nell’estremo oriente di Mosca. Il suo lungo periodo lontano dalla città fu per lui produttivo. Pasternak ha composto due volumi di versi negli anni della guerra. Uno fu distrutto da un incendio nel 1915. L’altro fu pubblicato nel 1917 come Oltre le barriere. Al tempo della rivoluzione di febbraio del 1917, Pasternak partì per Mosca. Durante il periodo tra il suo arrivo in città e la Rivoluzione d’Ottobre, scrisse due libri, Mia sorella è la vita e Temi e Variazioni, sebbene le circostanze della guerra non consentissero la pubblicazione di nessuno dei due volumi per cinque anni. Mia sorella è la vita, pubblicato nel 1922, fece subito guadagnare a Pasternak un posto tra i maggiori scrittori dell’epoca.

Boris Pasternak

Pasternak dopo la rivoluzione

Dopo la rivoluzione, tutti i russi dovettero scegliere tra emigrare e vivere con il nuovo ordine bolscevico. Pasternak, che non aveva alcun entusiasmo per la Rivoluzione, rimase in Russia, vivendo in un appartamento comunale sovraffollato a Mosca. Ma la maggior parte della famiglia di Pasternak lasciò la Russia per la Germania, per non tornare mai più. Alla fine degli anni Venti arrivò una nuova ondata di intolleranza e terrore. Lenin morì nel 1924 e Stalin alla fine uscì vittorioso dalla lotta per la successione nel 1928. Trotsky fu cacciato in esilio e uno dopo l’altro i potenziali rivali di Stalin furono eliminati. Una repressione si è verificata in tutti i campi, compreso il mondo letterario; alla fine, nel 1932, fu proclamata la dottrina del realismo socialista e l’Unione degli scrittori divenne l’unico guardiano dell’ortodossia. Dopo il libro Seconda nascita, Pasternak non scrisse poesie per dieci anni.

Boris Pasternak

Dottor Zivago

Nella seconda parte degli anni ’30, tentò senza successo di scrivere il romanzo che in seguito divenne il Dottor Zivago. Nel 1946, Pasternak incontrò e si innamorò di Olga Ivinskaya, circa 22 anni più giovane di lui. Ha ispirato molte delle sue successive poesie d’amore ed è stata per molti versi il prototipo di Lara nel Dottor Zivago. Dopo il suo rilascio da un campo di lavoro forzato nel 1953, è stata vicina a Pasternak fino al momento della sua morte. Nel 1956 progettò di pubblicare il Dottor Zivago solo per essere rimandato più e più volte. Nel novembre 1957 fu pubblicato in russo dalla Feltrinelli di Milano, Italia. Nell’ottobre 1958, Pasternak ricevette il Premio Nobel per la letteratura. Questo è stato preso come un riconoscimento del valore e dell’importanza del Dottor Zivago, e ha immediatamente avviato una caccia alle streghe ufficiale contro di lui in Unione Sovietica. Sebbene non sia stato mandato in esilio o arrestato, tutte le pubblicazioni delle sue traduzioni si sono interrotte.

All’inizio del 1960 gli fu diagnosticato un cancro ai polmoni. Boris Pasternak è morto la sera del 30 maggio. Mentre le autorità hanno fatto del loro meglio per sminuire la sua morte, molte migliaia di persone sono andate da Mosca al suo funerale nel piccolo villaggio in cui viveva. >> Tutte le notizie di cultura

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Ilaria Di Pasqua

Sara Carbonero malattia

Sara Carbonero, la giornalista ricoverata di nuovo per una recidiva del tumore

covid variante milanese

Coronavirus, spunta una “variante milanese”: potrebbe dare sintomi più gravi