in

Il Garante della Privacy blocca TikTok: i consigli della Polizia Postale per i genitori

Il Garante della Privacy blocca TikTok: accusata di non avere un controllo sugli utenti. La storia della bimba di Palermo morta per una challenge ha scosso mezza Italia. I genitori chiedono più sicurezza e Il Garante della Protezione dei dati personali ha deciso nelle scorse di disporre uno stop immediato per l’applicazione. Ecco alcuni accorgimenti della Polizia Postale.

>> Sfida estrema su Tik Tok: a Palermo bimba si lega una cintura al collo, è grave

Tik Tok morta bimba

Morta per TikTok

Antonella aveva solo dieci anni e ci ha lasciato cosi, per una challenge su TikTok. Sulla nota piattaforma spesso vengono lasciate queste sfide. Che sia dire qual’è stata la cosa più imbarazzante che ti sia mai successa oppure cantare una canzone per fare vedere che sai effettivamente tutte le parole. Tante sono le cosiddette challenge che vengono mostrate su TikTok ma a volte alcune sono davvero forti e pericolosissime. Come quella che ha portato Antonella, la bimba morta a Palermo, a legarsi una cintura alla gola in modo da avere views. Purtroppo il suo corpicino non c’è l’ha fatta a reggere il colpo ed è morta per soffocamento. Il padre, Angelo Sicomero, ha confessato: «TikTok era il suo mondo. E Youtube. Sempre lì stava». Ancora aggiunge: «Controllarli? Ma se c’è la fiducia, se c’è il dialogo che avevo con mia figlia, non ti metti a controllare».

Il Garante della Privacy blocca Tik Tok

Il Garante della Privacy blocca Tik Tok

Da qui parte la polemica di molti genitori che da sempre sono stati spaventati da questa piattaforma, forse più di Instagram o di Facebook. Questo probabilmente è dovuto dal fatto che i “grandi” ancora non hanno bene confidenza con TikTok e quindi vedono il social come una vera minaccia per i loro figli. A fronte di tutte le discussione sollevate negli ultimi giorni il Garante per la protezione dei dati personali ha disposto nei confronti di TikTok il blocco immediato dell’uso dei dati degli utenti per i quali non sia stata accertata con sicurezza l’età anagrafica. Nella giornata di Venerdi 22 gennaio 2021 infatti, l’Autorità ha deciso di intervenire in via d’urgenza a seguito della terribile vicenda della bambina di 10 anni di Palermo.

Si accusa dunque TikTok di avere una scarsa attenzione alla tutela dei minori e, a quanto sia semplice aggirare tale divieto. Infatti la piattaforma è vietata ai minori di 13 anni ma Angela ne aveva solo dieci.

Il Garante della Privacy blocca Tik Tok

I consigli della Polizia Postale

Dopo che il Garante della Privacy blocca TikTok, La Polizia Postale a fronte di questa terribile vicenda rilascia qualche consiglio per far si che i genitori siano informati e possano agire di conseguenza. L’impedimento dell’utilizzo di TikTok è pressoché impossibile visto che al giorno d’occhi tutti hanno uno smartphone e i ragazzi ora sono dei veri e proprio “hacker”. Quindi proibire l’utilizzo forse aumenterebbe la voglia di aprire la pagina e farlo di nascosto forse è ancora peggio.

La Polizia Postale a riguardo dichiara: «Parlate ai ragazzi delle nuove sfide che girano in rete in modo che non ne subiscano il fascino se ne vengono al corrente da coetanei o sui social network. Assicuratevi che abbiano chiaro quali rischi si corrono a partecipare alle challenge online. I ragazzi spesso si credono immortali e invincibili perché “nel fiore degli anni”: in realtà per una immaturità delle loro capacità di prevedere le conseguenze di ciò che fanno potrebbero valutare, come innocui comportamenti letali. Monitorate la navigazione e l’uso delle app social, anche stabilendo un tempo massimo da trascorrere connessi. Mostratevi curiosi verso ciò che tiene i ragazzi incollati agli smartphone: potrete capire meglio cosa li attrae e come guidarli nell’uso in modo da essere sempre al sicuro». >> tutte le News di Urbanpost

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Ilaria Di Pasqua

Vinicio Marchioni balbuzie

Vinicio Marchioni, la durissima battaglia contro quel disturbo ereditario: «Il medico disse…»

governo conte

Governo Conte “scricchiola” per Bonafede: “Non daremo il nostro voto”, esecutivo a rischio