in

Inter: Steven Zhang dona 100mila euro al Sacco di Milano per la ricerca sul Coronavirus

Steven Zhang, presidente dell’Inter, ha annunciato nel corso della giornata di ieri, mercoledì 4 marzo 2020, di aver donato 100mila euro al dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche Sacco di Milano, diretto dal Prof. Massimo Galli, che da giorni sta fronteggiando l’emergenza del Covid-19. Finora in Lombardia sono stati registrati oltre 1800 contagi per coronavirus e più di 70 decessi. In un momento così difficile il dirigente della società nero-azzurra ha dimostrato grande umanità e vicinanza allo staff sanitario, alle persone colpite dall’epidemia, al nostro paese.

Steven Zhang

Inter: Steven Zhang dona 100mila euro al Sacco per la ricerca sul Coronavirus

Un piccolo grande contributo alla ricerca, ma soprattutto un gesto per dimostrare il “legame indissolubile con la città di Milano”. Steven Zhang, presidente dell’Inter, ha pensato di fare una donazione al dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche Sacco del capoluogo lombardo. A dare la notizia lo stesso club neroazzurro attraverso un comunicato: “La donazione, nelle intenzioni dell’Inter e del suo Presidente è funzionale a sostenere le attività di ricerca, fiore all’occhiello del Dipartimento, struttura di eccellenza che si è distinta per aver identificato i primi 3 genomi completi ottenuti dagli isolati italiani di Sarc-CoV-2 circolanti in Lombardia”.

Steven Zhang

«Sostenere le attività di ricerca, fiore all’occhiello della struttura d’eccellenza lombarda»

“Il lavoro è stato svolto dal gruppo di Università Statale di Milano e Ospedale Sacco, coordinato dai docenti del dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche dell’Università Statale Gianguglielmo Zehender, Claudia Balotta e Massimo Galli. Lo stesso team che ha portato a termine l’isolamento dei 3 ceppi di Covid-19 attualmente circolanti nell’area di Codogno. L’analisi in corso di ulteriori genomi consentirà di ottenere stime più precise sull’ingresso del virus nel nostro Paese e sulle possibili vie di diffusione”, si legge sempre nella nota.

Coronavirus, il dirigente dell’Inter Steven Zhang: «Il dovere di sostenere l’ospedale Sacco»

«L’Inter è orgogliosa della dedizione con cui tutto il personale dell’Ospedale Sacco sta facendo fronte alla eccezionalità della situazione. Fin dall’avvio dell’emergenza Coronavirus abbiamo seguito con particolare attenzione e apprensione l’evoluzione della situazione. Sia come club sia come azionista rimarcando in tutte le sedi come l’unica priorità fossero la salute pubblica e la sicurezza. È per questo motivo che Fc Internazionale Milano sente il dovere di sostenere l’Ospedale Sacco», queste le parole del presidente Steven Zhang. Nei giorni scorsi il dirigente ha avuto qualche dissapore con il capo della Lega calcio, Paolo Dal Pino. Questi aveva deciso di rinviare al 13 maggio la partita Juve-Inter, che inizialmente doveva disputarsi il 1 marzo a porte chiuse proprio per l’emergenza Coronavirus. Un match, che salvo imprevisti, si giocherà domenica 8 marzo a porte chiuse. Steven Zhang al Financial Times qualche ora fa ha mantenuto la sua posizione: «In molti hanno ritenuto esagerate le mie parole. Invece io penso che siano state leggere e non abbastanza forti».

Steven Zhang

leggi anche l’articolo —> Coronavirus, infettivologo Massimo Galli: «Rapido ritorno alla normalità? Ahimè, fantascienza»

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

alessia messina instagram

Alessia Messina Instagram, a cavallo di una sedia in lingerie di pizzo: «Bellezza e sensualità oltre i limiti»

coronavirus posti letto

Coronavirus, posti letto in terapia intensiva stanno per finire: e intanto i contagi aumentano