in

Laura Ziliani sapeva del triangolo hot delle figlie con Mirto: il mistero della chat con l’amica

Nuovi dettagli sul caso di Laura Ziliani, l’ex vigilessa scomparsa il 9 maggio 2021 e ritrovata cadavere il successivo 8 agosto. Alla trasmissione “Quarto Grado”, in onda su Rete 4, assieme al sindaco sindaco di Temù, Giuseppe Pasina, l’inviato del programma ha mostrato in diretta lo scambio di messaggi tra la donna e una sua amica. Si tratta di una conversazione che viene interrotta e poi ripresa dopo circa 36 ore. Un arco di tempo che potrebbe significare molto per lo sviluppo delle indagini. Perché la Ziliani è rimasta in silenzio per oltre un giorno? 

leggi anche l’articolo —> Laura Ziliani, oggetti importanti al vaglio del Ris: si fa largo l’ipotesi del depistaggio

Laura Ziliani

Laura Ziliani ultime notizie, la vittima sapeva del triangolo hot delle figlie con Mirto: il mistero della chat con l’amica

L’amica di Laura Ziliani sapeva delle sue continue gite in montagna, per questo le aveva chiesto se fosse andata in bici quel giorno. La vittima, come riportato dalla trasmissione di Rete 4, ha replicato con un secco “No, riposo”. Probabilmente non era già in sé la vittima, aveva già bevuto la tisana con la quale le figlie l’avrebbero narcotizzata, spingendola a dormire per appunto 36 ore. “Laura Ziliani aveva detto di voler destinare alcune delle sue case alla terza figlia”, ha detto il sindaco di Temù, svelando le intenzioni dell’ex vigilessa. Una scelta che non sarebbe stata presa di buon grado dalle altre due figlie, Silvia e Paola Zani, accusate dell’omicidio della madre. Il primo cittadino ha rivelato anche che la Ziliani era a conoscenza del triangolo amoroso con Mirto Milani: «Il movente principale resta quello economico, sebbene questa scoperta da parte della madre potrebbe aver influito su attriti precedenti, relativi alle divisioni patrimoniali che Laura aveva in mente, e magari cambiato i rapporti famigliari. Alla fina la madre giudicava Mirto non il fidanzato di una figlia, ma un brutto partito che voleva manipolare le figlie», ha detto Pasina.

Laura Ziliani

Il movente economico: spunta la pista satanica

Laura Ziliani, come spiegato a «Quarto grado», pare stesse operando una divisione patrimoniale in modo da tutelare tutte e tre le figlie, ma soprattutto Lucia, alla quale sembra volesse lasciare due appartamenti. Uno la Ziliani avrebbe voluto darlo in gestione ad una cooperativa o un’associazione per realizzare un centro d’accoglienza per altre ragazze con gli stessi problemi di salute della figlia. In queste ore si sta facendo largo anche la pista satanica, soprattutto dopo la perquisizione ad sotterraneo di un palazzo alle porte di Temù dove si sarebbero celebrate delle messe nere. In paese qualcuno dice che anche Mirto, Silvia e Paola vi facessero parte, ma si tratta per ora soltanto di voci. Leggi anche l’articolo —> Omicidio di Laura Ziliani, nuovi dettagli sul caso: spunta la pista satanica

Laura Ziliani

Seguici sul nostro canale Telegram

Quattro morti sul lavoro tutte nelle ultime ore: Milano, Sassari, Modena e Barletta

mai più fascismi

“Mai più fascismi”, sindacati e centrosinistra oggi in piazza San Giovanni