in

Le migliori criptovalute del 2021: quali scegliere per iniziare ad investire

Da Bitcoin ed Ethereum a Dogecoin e Tether, attualmente ci sono migliaia di diverse criptovalute, che possono rendere travolgente la tua prima esperienza nel mondo delle criptovalute

Per aiutarti a orientarti, facciamo un excursus sulla storia, sulla modalità d’acquisto di questa nuova moneta virtuale, e vediamo le prime 3 (+1) criptovalute attuali, in base alla loro capitalizzazione di mercato, ovvero il valore totale di tutte le monete attualmente in circolazione.

Cosa sono le criptovalute

La criptovaluta è una forma di valuta che esiste esclusivamente in forma digitale. La criptovaluta può essere utilizzata per pagare gli acquisti online senza passare per un intermediario, come una banca, oppure può essere detenuta come investimento.

L’acquisto di criptovaluta, a differenza ad esempio delle azioni, non ti rende proprietario di alcunché, eccetto dello stesso token; lo scambio può avvenire di fatto solo tra due valute, e se questa perde valore dopo la cessione, non riceverai nulla in cambio. 

Azioni vs Criptovalute: quali sono le differenze

Ci sono molte altre differenze chiave da tenere a mente:

  • Orari di negoziazione: le azioni vengono negoziate solo durante l’orario di borsa, in genere dalle 9:30 alle 16:30, dal lunedì al venerdì. I mercati delle criptovalute non si chiudono mai, quindi puoi fare trading 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana.
  • Regolamento: le azioni sono prodotti finanziari regolamentati, il che significa che un organo di governo verifica le loro credenziali e le loro finanze sono questioni di dominio pubblico. Al contrario, le criptovalute non sono veicoli di investimento regolamentati, quindi potresti non essere a conoscenza delle dinamiche interne della tua criptovaluta o degli sviluppatori che ci lavorano.
  • Volatilità: sia le azioni che le criptovalute comportano rischi; i soldi che investi possono perdere valore. Tuttavia, le azioni sono direttamente collegate alle società e generalmente aumentano e diminuiscono in base alla performance di tali società. I prezzi delle criptovalute sono più speculativi: nessuno è ancora abbastanza sicuro del loro valore. Ciò li rende molto più volatili e influenzati da qualcosa di piccolo come il tweet di una celebrità.

Devi pagare le tasse sulle criptovalute?

Se acquisti e vendi monete, è importante prestare attenzione alle regole fiscali sulle criptovalute. La criptovaluta è trattata come un bene di capitale, come le azioni, piuttosto che come denaro contante. Ciò significa che se vendi criptovaluta con profitto, dovrai pagare le tasse sulle plusvalenze. 

Questo è il caso anche se usi la tua criptovaluta per pagare un acquisto. Se ricevi un valore maggiore di quello che hai pagato, dovrai pagare le tasse sulla differenza.

Quali sono le più redditizie criptovalute del 2021

  1. Bitcoin (BTC)

Normalmente se sei interessato alle criptovalute hai necessariamente sentito parlare di Bitcoin. È stata la prima e la più esplosiva delle criptovalute.

Lanciato nell’ottobre 2009, il valore del bitcoin era allora 0,001 USD… Sì, hai letto bene, meno di un centesimo di dollaro.

Al momento della stesura di questo articolo, il prezzo del bitcoin è superiore a 10.000 € dollaro! Quindi non commettere errori, questo rendimento stratosferico è stato accompagnato anche da una volatilità stratosferica. Il prezzo del bitcoin può variare del + o – 20% nello stesso giorno.

Quindi, è bisogna comprare bitcoin quando il suo prezzo è già molto alto? 

Alcuni esperti vedono o prevedono che Bitcoin a $ 100.000 in pochi anni, mentre altri si aspettano che scenda a $ 7.000. In ogni caso, e anche se questo non è un consiglio di investimento, tenere alcuni Bitcoin in un’allocazione di criptovalute non ha senso. 

Suggerimento: qualunque criptovaluta tu scelga di investire e diversificare, mantieni la calma e non lasciarti travolgere dalle tue emozioni in caso di forti fluttuazioni di prezzo. Lasciare che le tue emozioni dominino le tue decisioni è LA trappola in cui cadono gli investitori in erba. Questo vale anche per le azioni.

  1. Ethereum

Ethereum sembra essere la seconda criptovaluta più grande sul mercato. Attualmente quotato a 380 dollari. Certamente la crescita e l’evoluzione di questa criptovaluta non è uguale a Bitcoin ma tutte uguali. Lanciato nel 2015 al prezzo di 0,71 dollari (71 centesimi dunque), Ethereum ha raggiunto a gennaio 2018 la quotazione di 1351 dollari per poi scendere progressivamente fino a “stabilizzarsi” tra i 300 e i 400 dollari, almeno per il momento.

Con trading a circa $ 3.600 per ETH a partire da settembre 2021, la capitalizzazione di mercato di Ether è circa la metà di quella di Bitcoin.

Nel 2014, Ethereum ha lanciato una prevendita per ether, che ha ricevuto una risposta travolgente; questo ha contribuito a inaugurare l’era dell’offerta iniziale di monete (ICO). Secondo Ethereum, il suo token può essere utilizzato per “codificare, decentralizzare, proteggere e scambiare praticamente qualsiasi cosa”.  

In seguito all’attacco all’organizzazione autonoma decentralizzata (DAO) nel 2016, Ethereum è stata divisa in Ethereum (ETH) ed Ethereum Classic (ETC).

Nel 2021, Ethereum ha trasferito il suo algoritmo di consenso da proof-of-work (PoW) a proof-of-stake (PoS). Questa mossa ha lo scopo di consentire alla rete di Ethereum di funzionare da sola con molta meno energia e una maggiore velocità di transazione, oltre a creare un ambiente economico più deflazionistico. Il Proof-of-Stake consente ai partecipanti alla rete di “scommettere” il loro ether sulla rete. Questo processo aiuta a proteggere la rete e ad elaborare le transazioni che si verificano. 

Coloro che lo fanno vengono ricompensati con etere, simile a un conto interessi. Questa è un’alternativa al meccanismo di prova del lavoro di Bitcoin, in cui i minatori vengono ricompensati con più Bitcoin per l’elaborazione delle transazioni.

Ethereum è ora disponibile sulla maggior parte delle piattaforme di trading ed è facilmente convertibile direttamente in valute convenzionali (di tipo euro o dollaro) mentre questo non è il caso di tutte le criptovalute. Devi quindi convertire la tua criptovaluta in Bitcoin (o Ethereum) per poterla poi convertire in una valuta tradizionale.

  1. Ripple (XRP)

Attualmente, Ripple (XRP) è attualmente al secondo posto in termini di capitalizzazione nel mercato delle valute digitali, davanti a Ethereum. Alcuni quindi lo vedono come il “futuro Bitcoin”.

Ripple è fondamentalmente un’azienda (a differenza di Bitcoin che è un protocollo) che ha sviluppato la possibilità di effettuare transazioni più rapidamente tramite un sistema di scambio. Questo è il cuore dell’intera filosofia e strategia della cosiddetta finanza decentralizzata (DEFI).

Essendo al centro della tecnologia Blockchain, i fondatori di Ripple hanno naturalmente deciso di creare la propria criptovaluta: Ripple XRP.

Quando è stato immesso sul mercato nel gennaio 2015, come spesso accade con le nuove criptovalute messe online, il suo prezzo era di 0,01 dollari. È salito a 2,33 euro a gennaio 2018 prima di scendere anche lui e attualmente oscilla intorno a 0,21 euro.

Ancora una volta, e senza che questo equivalga a un consiglio di investimento, potresti considerare di tenere alcuni Ripple nella tua allocazione di criptovaluta per diversificare.

  1. Litecoin

Litecoin fa parte di Altcoin, valuta alternativa al Bitcoin.

Partiamo da una certezza, tutto questo universo di valuta virtuale si basa sulla tecnologia Blockchain e sui token (o token digitali) che consentono di fare a meno di tutti gli intermediari, in particolare quelli finanziari come le banche, garantendo allo stesso tempo sicurezza e inviolabilità totale di una transazione. Quindi, inevitabilmente, quando è stata lanciata la tecnologia Blockchain, c’erano ancora alcuni singhiozzi, alcuni bug, alcuni difetti nel sistema. Inoltre, e per garantire il più possibile la sicurezza delle transazioni, sono emerse nuove modalità, nuove tecnologie più avanzate. Pertanto, Litecoin consente in particolare di creare blocchi quattro volte più velocemente, la crittografia dei dati scambiati è stata rafforzata.

Improvvisamente, il fondatore di Litecoin ha presentato Litecoin come migliore di Bitcoin con uno slogan provocatorio “Silver to Bitcoin’s gold“.

Il grafico dei prezzi di Litecoin assomiglia molto a quello di Ripple. Lanciato nell’ottobre 2011 valeva allora pochi centesimi. È decollato nel 2017, con un picco di $ 260 alla fine di dicembre 2017, per poi scendere e aggirarsi intorno ai $ 40 da quasi un anno.

Il campo delle criptovalute è in continua espansione e il prossimo grande token digitale potrebbe essere rilasciato domani. Sebbene Bitcoin sia ampiamente considerato un pioniere nel mondo delle criptovalute, gli analisti adottano molti approcci per valutare token diversi da BTC. È comune, ad esempio, che gli analisti attribuiscano una grande importanza alla classificazione delle monete l’una rispetto all’altra in termini di capitalizzazione di mercato. 

Seguici sul nostro canale Telegram

sondaggio gradimento leader Piepoli 24 ottobre 2021

Fiducia nei leader: Mattarella e Draghi i più amati, Paragone raggiunge Salvini e Di Maio

maltempo allerta rossa

Maltempo in Calabria e Sicilia, scuole chiuse: allarme rosso a Scordia [VIDEO]