in

Lezioni di inglese online per bambini con NovaKid

L’inglese ed i bambini, un connubio importantissimo per il loro presente e soprattutto per il loro futuro. I nostri bambini, soprattutto nei primi anni di età, hanno una innata capacità di imparare nuove cose, soprattutto diverse lingue. Per questo motivo sempre più persone decidono di affidarsi ai corsi di inglese online per bambini di NovaKid

NovaKid offre un servizio innovativo, studiato su misura per le diverse esigenze dei bambini che ne usufruiscono. Inoltre NovaKid si serve dei migliori insegnanti certificati, di madrelingua e di professionisti del settore. Il servizio offerto da Novakid è semplice ed innovativo, perfetto per consentire ai nostri bambini di imparare velocemente la lingua inglese, divertendosi. Un servizio, quello di NovaKid, realizzato attraverso le più moderne tecnologie, semplici e veloci da utilizzare. 

La diffusione dell’inglese

La lingua inglese è seconda al mondo per diffusione, superata soltanto dal cinese. Si calcola che i parlanti inglese come lingua madre siano circa 400 milioni, mentre sono circa 300 milioni coloro che lo parlano accanto alla lingua nativa. Sono infine circa 200 milioni quelli che lo hanno appreso a scuola, in paesi dove questa lingua non è in uso. Il numero di coloro che usano l’inglese come lingua seconda o straniera supera dunque quello di coloro che lo parlano dalla nascita. Questo fantastico idioma è la prima lingua in moltissimi paesi. Ciò permette di capire in maniera precisa l’importanza di questa lingua. 

L’importanza dell’inglese nel mondo

Da un punto di vista scolastico l’importanza dell’apprendimento della lingua inglese da parte dei giovani è ormai nota da anni. In un mercato sempre più globalizzato, è diventato indispensabile sapersi esprimere correttamente e sono molte le aziende che richiedono il “fluent english” come fattore determinante per ottenere il posto di lavoro, che diventa sempre più raro in questo periodo. Nei Paesi stranieri la lingua inglese è conosciuta bene dagli studenti, sia per motivi storici sia per motivi di vicinanza alla lingua del paese di origine. 

Anche nel nostro Paese, dunque, diventa fondamentale quindi studiare da soli o privatamente quando la scuola non interviene a colmare questa lacuna. In tutte le città italiane esistono validi percorsi formativi di lingua inglese, che formano i ragazzi e li incoraggiano a studiare questa lingua universale.  Con l’inglese si può cercare e trovare più facilmente lavoro all’ estero o anche in Italia; con dei validi certificati si può accedere ad università prestigiose. Inoltre la piena padronanza della lingua facilita un’apertura maggiore al mondo del lavoro.

L’inglese per viaggiare

Insegnare l’inglese ai nostri bambini servirà a questi ultimi anche in futuro per viaggiare. Essere autonomi nel parlare la lingua e nel comprenderla è essenziale per poter essere più tranquilli quando si affronta un viaggio all’estero o per far fronte ad eventuali imprevisti. Essere sicuri di farsi comprendere e di riuscire, a propria volta, a comprendere quello che il proprio interlocutore dice è fondamentale per vivere in maniera serena tutta l’esperienza di viaggio.

Inoltre, conoscendo l’inglese, si potrà decidere di affrontare dei viaggi da soli (o con chi si vuole) senza dover “obbligatoriamente” scegliere viaggi organizzati (in cui c’è sempre qualcuno che conosce la lingua e che “guida” durante i vari spostamenti): in questo modo, si potranno decidere individualmente gli itinerari e si può anche risparmiare.

Il bilinguismo

Il bilinguismo è una grande ricchezza per il bambino; poiché permette di confrontarsi con due lingue, ovvero due culture diverse, imparando una maggiore tolleranza anche verso gli altri. Inoltre, saper comunicare in due lingue, in futuro gli fornirà un indubbio vantaggio sul mondo del lavoro, rispetto ai suoi coetanei.

E’ stato riconosciuto che il bilinguismo, trae molti vantaggi, tra cui “una buona attenzione selettiva, ovvero una capacità di concentrarsi sulle informazioni rilevanti e di inibire quelle non rilevanti, come capita quando si devono gestire più compiti contemporaneamente o si deve passare velocemente da un compito all’altro”.

Ma il bambino che parla un’altra lingua oltre l’italiano, raggiungerà la stessa competenza linguistica di un bambino monolingue?

I bambini bilingui ottengono senza alcun sforzo lo stesso livello di competenza dei bambini monolingui in entrambe le lingue. Infatti, l’apprendimento delle lingue durante la prima infanzia è un processo naturale e privo di sforzo. E’ importante ricordare che i bambini sono dotati di una predisposizione innata per l’acquisizione del linguaggio, imparando così le lingue senza sforzo.

Dobbiamo però ricordarci che questa capacità, decresce verso i 6 anni, fino ai 12 anni. Ecco perché è importante far imparare una seconda lingua al bambino, prima possibile, ovvero nei primi anni di vita.

 

elodie

Elodie svela il suo passato da cubista: «Lo sguardo delle persone mi infastidiva»

app immuni salvini

App Immuni, Matteo Salvini contro l’utilizzo: «Io non scarico nulla! Vogliamo certezze!»