in

L’industria sbarca in casa: guida allo stile industrial

È da anni ormai che il design industriale è approdato anche nelle scelte di home decor più urbane, conquistando sempre più spazio e gradimento: nella sua semplicità ed essenzialità, questo stile necessita comunque di alcuni punti di appoggio basilari, come ad esempio la scelta della pavimentazione e non solo.

Lo stile industrial inizia dal basso

È proprio dai pavimenti che possiamo iniziare la progettazione di un ambiente in stile industrial, dove l’area di calpestio è solitamente caratterizzata da un aspetto grezzo, raw e non finito, come avveniva negli edifici industriali costruiti tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, che fanno da fonte di ispirazione a questa tendenza.

Il materiale che può venire in nostro supporto è senza dubbio il gres porcellanato,  il prodotto di punta tra le proposte di www.iperceramica.it, la principale catena italiana per la vendita di pavimenti, e si sta rapidamente diffondendo nelle applicazioni domestiche grazie alle sue caratteristiche, e non ultimo grazie a un vantaggioso rapporto tra qualità e prezzo.

In particolare, questo prodotto consente di realizzare un pavimento che dia un colpo d’occhio elegante, che sia resistente e affidabile, ma anche di selezionare tra una varietà di stili.

Cosa significa l’arredo industriale domestico

Gli interni industriali sono definiti dagli elementi architettonici presenti nell’ambiente: questo stile, nato a metà dello scorso secolo come modalità economica di arredare i grandi loft metropolitani ricavati nei capannoni industriali abbandonati, è caratterizzato da materiali ruvidi e duri, come il metallo e il cemento, ma oggi ha perso l’originale connotazione più rough e si è ingentilito per diventare chic.

Quindi, non è più semplicemente grezzo, quasi incompiuto, ma continua a offrire un’atmosfera informale in cui è rilassante vivere, mantenendo lo spazio pratico e ordinato e rivelandosi pertanto accogliente e confortevole per chi abita.

Come si comprende intuitivamente, il design industriale degli interni domestici si ispira alle fabbriche, ai classici edifici composti da mattoni, cemento, ferro e acciaio che erano progettati per durare anni e focalizzati sull’estrema funzionalità, necessaria per l’esecuzione di una o più attività lavorative. Per questo motivo, le linee sono classicamente minimali e prive di decorazioni, ovvero in una parola essenziali; il superfluo è vietato, tutto deve essere calibrato per essere funzionale e ordinato.

Trasferendoci in casa, la connotazione chic dello stile industrial contemporaneo richiede che tutto sia trattato con l’eleganza della semplicità.

Il gres porcellanato per le applicazioni industrial in casa

Nello stile industrial i colori sono generalmente più neutri, caratteristici dei materiali da costruzione utilizzati, e quindi tonalità di grigi, bianchi, marroni e neri, ed elementi come mattoni, legno e furto influenzano pesantemente la combinazione di colori.

Il gres porcellanato si candida come prima soluzione valida per la pavimentazione di questi ambienti, soprattutto nella declinazione di grandi piastrelle in gres porcellanato effetto cemento, disponibili in diverse colorazioni.

Si tratta di un materiale pratico da pulire e manutenere, e la sua colorazione neutra lo rende perfetto ad abbinamenti con arredi scuri, magari in metallo verniciato, collocandolo alla perfezione in ambienti con grandi vetrate, tipiche dell’architettura industriale.

Per un soggiorno in stile industriale ancora più luminoso ed elegante, bellissima è la scelta del gres effetto pietra bianca, che conferisce un tocco di naturalezza allo spazio, mentre il colore chiaro dà luce e vivacità al living.

Il gres dà ottimi riscontri anche nella pavimentazione del bagno, dove anzi è spesso la scelta consigliata sia per ragioni di igiene e pulizia che per l’alta resa estetica del progetto: è possibile, infatti, scegliere sia la colorazione che la texture delle piastrelle del pavimento e del rivestimento, creando anche delle combinazioni estetiche di grande impatto visivo.

Seguici sul nostro canale Telegram

Dai giochi della tradizione al blackjack

2035, l’ultimo anno per le auto a benzina e diesel