in

Mauro Bellugi racconta il suo dramma a “Live-Non è la D’Urso”: «Senza la mia famiglia, non avrei firmato per l’intervento»

L’ex calciatore di Inter, Bologna, Napoli e Pistoiese, Mauro Bellugi, ieri sera 17 Gennaio 2021, è stato ospite di Live: Non è la D’Urso. L’uomo ha deciso di aprire il suo cuore al pubblico da casa e di parlare del suo dramma, vissuto a causa del Covid-19. Mauro Bellugi ha subito l’amputazione di entrambe le gambe come conseguenza del contagio. Un periodo decisamente difficile per Mauro. Per fortuna, grazie all’amore della sua famiglia, l’ex calciatore è riuscito a superare ogni ostacolo e ora, giorno dopo giorno, si sta riprendendo la sua vita in mano. Una storia commovente che ha lasciato il pubblico di Live senza parole.

Leggi anche –> Covid, il dramma di Bellugi, ex calciatore: “Il virus si è preso le mie gambe”

Mauro Bellugi Live non è la d'urso

“Live-Non è la D’Urso”, Mauro Bellugi racconta il suo dramma

Mauro Bellugi, come raccontato dalla moglie Loredana e dalla figlia Giada, è stato ricoverato in ospedale il 4 novembre 2020 perchè risultato positivo al Covid-19. Le sue condizioni di salute si sono improvvisamente aggravate fino a richiedere l’intervento operatorio d’urgenza per complicanze sopraggiunte in seguito. Così l’ex calciatore ha perso le gambe a causa del coronavirus. Nel salotto di Barbara a Live: Non è la D’Urso, Mauro Bellugi ha raccontato il suo dramma, facendo commuovere il pubblico da casa: «Senza mia moglie e mia figlia, forse non avrei firmato per l’intervento. Voglio ringraziare tutta Italia per il pazzesco affetto che ho ricevuto e poi volevo ringraziare la curva Nord dell’Inter che mi ha dedicato uno striscione fuori dall’ospedale». 

Mauro Bellugi Live Non è la D'urso

Una storia incredibile

A causa del Covid-19 Mauro Bellugi ha perso le sue gambe. Un intervento delicato che lo ha messo a dura prova, ma ora, grazie alla sua famiglia, si sta piano piano riprendendo. A Live: Non è la D’Urso, l’ex calciatore ha ricordato così quei momenti drammatici: «In quei momenti ho pensato che non ero più un ragazzino, ma poi ho detto: perché non andare avanti? Ne vengo fuori, verrò di nuovo qui la prima volta che avrò le protesi. Non mi è stata fatta l’anestesia totale perché avevo il Covid, mi hanno riempito di morfina e in camera mia vedevo elefanti e bisonti che correvano, qui sei da solo e non c’è nessuno ed è stato molto brutto». >> Altri Gossip

Crisi di governo, Rosato (Italia Viva): “Conte? Intanto faccia una telefonata”

crisi governo news conte

Crisi governo, “Il signor 2% deve darsi una calmata”: il piano del M5s per “ricattare” Renzi