in

Modena, ragazzino assalito da venti coetanei armati di spranghe

Un vero e proprio blitz, un branco di una ventina di ragazzi contro un coetaneo solo. Sono tutti minorenni gli adolescenti che si sono resi protagonisti del maxi pestaggio avvenuto ieri pomeriggio, mercoledì 27 ottobre, intorno alle 14 in via Rainusso a Modena. L’agguato si è consumato di fronte all’Istituto di formazione lavoro (Ial). (Continua dopo la foto)

Secondo quanto emerso tre ragazzini tra i sedici ed i diciassette anni sono finiti al pronto soccorso e la prognosi si aggira attorno ai dieci giorni. La ricostruzione è riuscita a mettere insieme il puzzle dell’evento: un gruppo di ragazzini di origine pakistana ha dichiarato guerra a un coetaneo tunisino. Il pestaggio è stato registrato nei video degli smartphone dei tanti adolescenti presenti. La brutalità dell’accaduto ha lasciato sgomenti tutti: il giovanissimo è stato preso a sprangate dopo essere stato accerchiata. Poi, a dare sostegno alla vittima, sono arrivati alcuni suoi amici e lo scontro si è trasformato in una violentissima guerriglia tra le due baby gang. (Continua dopo la foto)

Modena pestaggio davanti scuola, ragazzino assaltato da venti coetanei

La polizia sta ricostruendo cosa sia accaduto anche grazie proprio ai frame estrapolati dai video girati dagli altri adolescenti presenti, spettatori della mega rissa. Via Rainusso è stata teatro di un’altra violenta aggressione da parte di un gruppetto di studenti, il branco contro il singolo. L’episodio è avvenuto nei pressi dell’edificio che ospita le succursali scolastiche di alcuni istituti superiori. Tutto di fronte a decine e decine di studenti che hanno assistito più o meno impassibili.  Diversi di loro hanno ripreso con il cellulare il pestaggio, che vede appunto un branco di studenti accanirsi in modo incredibilmente violento nei confronti di un coetaneo, accerchiato e preso a sprangate, calci e pugni da orbi.

Padova, 31enne perde la vita in un frontale contro un tir: stava tornando a casa

Seguici sul nostro canale Telegram

Padova, 31enne perde la vita in un frontale contro un tir: stava tornando a casa

Alessio madeddu

Morte dello chef Alessio Madeddu, l’omicida ha confessato: il movente è passionale