in

Montesilvano, runner rimproverato sfascia l’auto della vicina: «Io ti ammazzo!»

A Montesilvano un uomo ha distrutto l’auto della sua vicina per un motivo davvero futile. Questa quarantena forzata sta dando i suoi frutti anche a livello mentale. La reclusione in casa, stravolgere le proprie abitudine da un giorno all’altro non sta aiutando l’umore. Questa vicenda di Montesilvano, in Abruzzo, è un primo esempio di quanto la situazione che stiamo vivendo sia difficile non solo a livello sanitario ed economico. Tutta la scena, surreale, che avvenuta in provincia di Pescara è stata ripresa con il cellulare e nel giro di pochissimo tempo è diventata virale.

montesilvano uomo sfascia auto


Leggi anche: Roberta Morise Instagram, niente reggiseno sotto il top attillato: «Vulcanica femmina»

Montesilvano, runner impazzisce

Una vicenda ai limiti della realtà. A Montesilvano un uomo si stava allenando nel cortile del palazzo quando una donna, una vicina di casa, lo ha ripreso, invitandolo a interrompere e a rientrare a casa. L’uomo non ha affatto preso bene il rimprovero della donna e accecato dalla rabbia ha iniziato a sfasciare l’auto della vicina con un martello. Tutta la scena è stata filmata con il cellulare. Diversi vicini si sono mobilitati in aiuto della donna, ma non c’è stato verso di fermare l’uomo.

 

Le preghiere della donna

Nel video si ascoltano le preghiere della donna in cui a singhiozzi tra le lacrime gli chiede di smetterla. Non sono servite a nulla le sue preghiere, l’uomo ha continuato e nel frattempo minacciava la donna. “Quando finisce la quarantena te la faccio pagare, ci vuole l’esercito per fermarmi”. La donna disperata gli chiede ripetutamente scusa fino a quando l’uomo non depone le armi soddisfatto e se ne va con molta arroganza. Una scena surreale, degna di un film d’azione americano. Questi sono i frutti della reclusione in casa. Nel web girano diverse lamentele dei runner che affermano di essere più volte insultati dai vicini, ma nessun insulto giustifica il gesto di quest’uomo. In un momento di crisi come questo dovremmo aiutarci reciprocamente e invece vediamo ancora scene come questa.

Mario Bozzoli scomparso: chiesto il processo per il nipote Giacomo, è accusato di averlo ucciso

Coronavirus Crisanti

Coronavirus, il virologo Crisanti: «Troppi morti, un fallimento. In Italia almeno 450mila contagi»