in

Napoli, crolla muro di terra: due operai senza vita, un terzo disperso

Tragedia a Pianura, quartiere della periferia di Napoli: uno smottamento di terra, verificatosi dopo il crollo di un muro di contenimento, ha travolto tre operai. I corpi senza vita di due uomini sono stati estratti dalle macerie, e il bilancio delle vittime potrebbe aggravarsi. Sul posto, tra via Archimede e via Montagna Spaccata, è arrivato anche il magistrato di turno. Sul luogo della tragedia sono presenti carabinieri, Vigili del Fuoco e personale della Polizia Municipale di Napoli.

>>Leggi anche: Madonna si scatena contro l’uccisione dell’afroamericano George Floyd: “Fuck the Police”

napoli crolla muro di terra

Napoli, crolla muro di terra

La terribile vicenda è avvenuta intorno alle 12:30 di oggi, 1 giugno 2020. All’improvviso si è verificato il cedimento un muro di contenimento che reggeva un terrapieno in via Eduardo Caianiello, nella zona della Masseria Grande. I corpi senza vita di due operai sono stati già ritrovati, al momento i soccorritori stanno scavando senza sosta alla ricerca del terzo operaio. Sul posto anche i carabinieri oltre alle ambulanza del 118 e alla polizia municipale.

napoli crolla muro di terra

I soccorsi e le vittime

Secondo quanto si apprende, gli operai rimasti coinvolti nel tragico incidente stavano lavorando alla realizzazione di un muro di contenimento. Per cause in corso di accertamento si è verificata una frana che li ha travolti. Sul posto stanno giungendo anche alcuni familiari delle persone coinvolte. Secondo quanto appreso dal Riformista, si tratta di un uomo di nazionalità italiana e di un ragazzo di nazionalità straniera. Le indagini sono affidate ai carabinieri della Compagnia di Bagnoli, presenti sul posto anche polizia e polizia municipale oltre alle ambulanze del 118. >> Tutte le notizie di economia

george floyd proteste usa

George Floyd ucciso, Usa in fiamme: dilagano le proteste, anche le Star in strada

chiara nasti tiktok

Chiara Nasti TikTok, volano le critiche per il suo balletto: «Un tronco, sei completamente negata!»