in

17 gennaio nuove zone, scattano le misure: sì a spostamenti seconde case fuori regione

Confermate le nuove zone per le varie regioni d’Italia, scattano oggi – domenica 17 gennaio 2021 – le misure previste dall’ultimo Dpcm. Gran parte della penisola diventa arancione: non mancano però le macchie rosse e qualche ‘fortunata’ zona gialla. Circa l’80% degli italiani si troverà a subire restrizioni più severe. Non senza polemiche. Finita tra le regioni in zona rossa, la Lombardia ha già annunciato il ricorso al Tar contro la decisione del governo: il presidente Attilio Fontana lamenta infatti un provvedimento basato su dati superati. Ma per il ministro della Salute, Roberto Speranza, “le ordinanze sono costruite sulla base di dati oggettivi e indirizzi scientifici”.

Leggi anche >> Covid, il bollettino di oggi: 16.310 nuovi casi e 475 morti

Nuove zone regioni oggi 17 gennaio

Nuove zone regioni oggi 17 gennaio: novità per gli spostamenti

E mentre Sicilia e provincia di Bolzano tengono compagnia alla Lombardia in zona rossa, Campania, Sardegna, Basilicata, Toscana, Molise e Provincia autonoma di Trento ‘esultano’ per il mantenimento della zona gialla. Il resto d’Italia è una grande chiazza arancione. Le misure, che seguono in gran parte le regole del periodo natalizio presentano però una novità in materia di spostamenti. Ed in particolare quelli riguardanti le seconde case. Come precisato da Palazzo Chigi e riferito da Tgcom24, “diversamente dal decreto di Natale, non è specificato il divieto degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione, che si trovi in una regione in fascia gialla, arancione o rossa. L’unico limite riguarda il fatto che a spostarsi potrà essere soltanto il nucleo familiare”.

Nuove zone regioni oggi 17 gennaio

Gente per le vie nell’ultimo giorno di ‘libertà’: controlli in aumento

E intanto, nell’ultimo giorno giallo prima del passaggio verso le nuove zone, nelle grandi città ci si è sbizzarriti, specie nelle regioni che da oggi diventano rosse o arancioni. A Roma gruppetti di turisti comodamente in giro per le vie della capitale si sono alternati a famiglie in gita sul litorale. A Torino scene simili con le vie del centro affollate e calca sotto i portici, nonché code fuori dai negozi e coperti dei bar al completo. Dai controlli delle forze dell’ordine – in aumento – sono state sanzionate 1.364 persone. Denunciate, nella giornata di venerdì, ben 19. >> Pfizer annuncia calo del 30% sulle dosi, Arcuri: “Pronti ad azioni legali”

Seguici sul nostro canale Telegram

Written by Francesca Romano

Crisi di governo, cosa succede dopo il “no” dell’Udc: Conte si dimette? “Panico” tra i 5 Stelle

Terremoto Udine oggi

Terremoto Udine oggi, magnitudo 3.4 vicino Verzegnis: avvertita nettamente in diverse aree