in

Paola Enogu, carriera e vita privata: tutte le curiosità sulla pallavolista Azzurra

Paola Enogu è l’atleta italiana scelta per sfilare con la bandiera olimpica alla cerimonia di apertura di Tokyo 2020. La pallavolista dell’Italia Team assumerà il ruolo di portabandiera assieme ad alcuni atleti di altri Paesi, allo Stadio Olimpico venerdì 23 luglio. Scopriamo tutto sulla pallavolista italiana.

Biografia e studi

La pallavolista Paola Egonu è nata il 18 dicembre del 1998 a Cittadella, in provincia di Padova, da genitori (mamma Sunday e papà Ambi) di origini nigeriane. Ha quindi 22 anni e misura 1 metro e 93 d’altezza. Una studentessa modello a scuola, si è diplomata in ragioneria, dove ha sempre avuto ottimi voti; lei stessa si considera una secchiona. E ha in progetto di continuare con gli studi, iscrivendosi alla facoltà di Giurisprudenza. Il suo sogno è quello di diventare avvocato, per poter mettere fine alle ingiustizie e alle sofferenze delle persone che si trovano in situazioni di svantaggio.

Carriera di Paola Enogu

Ha iniziato a giocare a buoni livelli a pallavolo all’età di quindici anni, dopo apparizioni nella squadra di Cittadella. Nel 2013-2014 ha esordito in B1 con il Club Italia che l’ha tenuta con sé per quattro anni, Ha scalato la vetta del professionismo arrivando fino in serie A1. Poi, nel 2017-2018 è passata all’Agil Novara, vincendo il suo primo trofeo (Supercoppa italiana) accompagnato poi da due Coppe Italia e soprattutto dalla Champions League (2018-2019) e dal doppio titolo di Mvp. I successi non si sono interrotti neanche quando è passata all’Imoco di Conegliano (due Supercoppe, Campionato mondiale per club, titoli di Mvp in serie, doppia Coppa Italia, scudetto e Champions League).

Ha iniziato la sua avventura con la Nazionale italiana sei anni fa, indossando la canotta azzurra dell’Under 18. Ha vinto la medaglia d’oro in occasione dei Mondiali del 2015 e il premio di migliore giocatrice della kermesse. E’ poi passata all’Under 19 e Under 20. Con la Nazionale maggiore italiana è “esplosa” nel 2017, vincendo un argento al World Gran Prix.  Nel 2018 ha centrato l’argento Mondiale, vincendo il premio di migliore opposto della competizione, e nel 2019 il bronzo agli Europei. Per il suo cartellino i turchi del Fenerbahçe erano pronti a spendere 1 milione di euro, ma lei ha preferito restare in Italia, perché è nel nostro Paese che vuole appagare la fame di successi e migliorarsi, magari riuscendo anche a portare la nazionale sul podio olimpico.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Paola Egonu (@paolaegonu)

Non solo sport

Non solo sport: ad appena 22 anni, Paola Enogu si è cimentata anche in un’attività particolare: il doppiaggio! Paola infatti ha prestato la sua voce al personaggio Sognaluna del film d’animazione Disney “Soul”. E’ inoltre diventata modella per Armani, che ora sponsorizza la squadra delle pallavoliste azzurre a Tokyo. Di recente Barilla l’ha scelta come testimonial per i suoi prodotti. Molto attiva sul profilo Instagram, l’atleta condivide tantissimi scatti della sua vita privata (come le serate con le amiche e il musetto della sua amata cagnolina), ma anche dei momenti con la squadra della Nazionale italiana di pallavolo.

La famiglia della pallavolista

Paola è cresciuta con due fratelli più piccoli, Angela e Andrea, ma la sua famiglia è molto numerosa. A partire dalla cugina Terry Enweonwu, di due anni più giovane e anch’essa pallavolista italiana, Paola ha tantissimi parenti in Nigeria e in tutto il resto del mondo. Cugini, zii (sono ben 13) e un nonno: per tutti loro, la ragazza conserva un amore profondo, nonostante la distanza. La Egonu si è spostata a Milano, e nella città lombarda ha deciso di rimanere quando i suoi genitori e i fratelli si sono trasferiti a Manchester per lavoro. Una scelta, la sua, dettata solamente dall’amore per la pallavolo.

Paola Enogu e la relazione con la collega polacca

Tre anni fa, Paola Enogu aveva parlato di una relazione con una collega, la giocatrice polacca Katarzyna Skorupa. La loro storia, però, è terminata alla fine del 2018, e non sono noti altri flirt per quanto riguarda la schiacciatrice, che sembrerebbe essere single. Parlando del suo orientamento sessuale la Enogu ha detto di non classificarsi come lesbica, anzi. “Mi ero innamorata di una collega, ma non significa che non potrei innamorami di un ragazzo, o di un’altra donna”, ha detto a Il Corriere della Sera. “Adesso però vuole che la sua vita privata rimanga tale: “Ora non sono innamorata, ma io sono una pazza che si innamora a prima vista. Non mi fa impazzire l’idea che sia per sempre, anche se il matrimonio mi piace. Forse ho le idee un po’ confuse. Tuttavia quello che deve interessare è se gioco bene a volley, non con chi dormo”. >> Tutte le notizie di gossip

reddito di cittadinanza conte

Conte: «Attacchi volgari al reddito di cittadinanza, Draghi prenda posizione chiara e ferma»

Enrico Brignano papà bis, Flora Canto ha partorito: è nato il piccolo Niccolò