in

Pizza qual è l’abbinamento migliore: birra, bibite gassate, vino

Per alcuni è la via per il paradiso, per altri è il nettare degli dei, una cosa però è da non sottovalutare affatto: la storia della pizza è accompagnata anche dall’abbinamento giusto per poter cogliere al massimo la bontà della scorpacciata. (Continua dopo la foto)

E non c’è nulla da dire, Pizza & Birra sono come Yin e Yang, per qualcuno invece Pizza e Coca Cola non possono assolutamente essere divisi. C’è anche chi preferisce accompagnarvi soltanto dell’acqua, per non cadere nel tranello di una cena pesante. Il surplus dato dalla birra è che con la particolare fermentazione e anidride carbonica presente riesce a “stroncare” il sapore delle pizze anche più sapide. Difatti la parola d’ordine rimane “freschezza”. Anche se per contro, l’incombenza di digerire la combo lievito pizza e lievito birra, sarebbe da affidare ad un ottimo digestivo post- pasto. (Continua dopo la foto)

Pizza cosa è meglio bere, birra, bibite gassate, vino

Stesso dicasi per Coca & bibite gassate, con nota di merito per gassose o acque toniche che abbinate con le pizze più cariche danno un mix di gusto davvero interessante. Ma se vogliamo tirare fuori la storia, il vino rosso con bassa gradazione alcolica era l’abbinamento top già da fine Ottocento, quando venne inventata la Margherita. La pizza Margherita nasce a Napoli nel 1889 per mano di un abile pizzaiolo: Raffaele Esposito. Durante la visita a Napoli del re d’Italia Umberto I di Savoia, viene richiesto all’artigiano della pasta di raggiungere la famiglia reale nella sfarzosa reggia di Capodimonte. Qui, recatosi insieme alla moglie, Raffaele Esposito prepara tre varianti di pizza, tra cui la sua nuova creazione: pomodoro, mozzarella e basilico. La regina Margherita (guarda caso) ne rimane talmente estasiata che il pizzaiolo decide di battezzarla con il suo nome.


Cosa significa la pizza secondo il maestro pizzaiolo Davide Civitiello 
• la pizza è unione. La bellissima frase “andiamoci a fare una pizza” dice tutto, ritengo che al mondo non ci siano persone che vogliano star sole. La pizza è un motivo valido per stare tutti insieme;
• la pizza è allegria. È colorata e profumata, quando si pensa a lei già si assapora il gusto del pomodoro, della mozzarella e di tutta la farcitura che più ci piace.
• la pizza è storia, non è un semplice piatto. Il disco di pasta racconta storie di famiglie che da anni producono farina, pomodoro, mozzarella; storie di pizzaioli che, da padre in figlio, artigianalmente tramandano quest’arte. Ma la verità è che la pizza piace così tanto perché unisce la passione, la genuinità e la semplicità.

Alberto Villani, direttore Bambin Gesù: “I bambini sono un serbatoio di virus”

Seguici sul nostro canale Telegram

mattarella draghi

Quirinale, il patto Mattarella-Draghi: “Come evitare il Far-west”, il retroscena di “Dagospia”

Carpi, rapina al centro commerciale: guardia giurata ferita da un colpo di arma da fuoco