in

Pizzo Calabro, incidente sul lavoro: operaio muore travolto in autostrada

Pizzo Calabro – Un tragico incidente sull’Autostrada del Mediterraneo A2, avvenuto questa mattina, 3 giugno 2021, è costato la vita a un operaio 59enne. L’uomo, Domenico Careri, di Lamezia Terme, stava eseguendo lavori per conto di Anas quando è stato investito da un veicolo in movimento.

pizzo incidente autostrada

Pizzo Calabro, fatale l’incidente in autostrada

L’incidente è avvenuto sull’A2 Autostrada del Mediterraneo all’altezza di Francavilla Angitola, a 500 metri dallo svincolo di Pizzo Calabro nel Vibonese. A perdere la vita Domenico Careri, operaio di Lamezia Terme di 59 anni, dipendente di una ditta che esegue lavori per conto dell’agenzia italiana delle autostrade. Al momento del fatale incidente, l’uomo stava procedendo a piedi nelle immediate vicinanze del cantiere, istituito per il rifacimento del manto stradale. I soccorsi in seguito all’investimento sono stati inutili: i sanitari del 118 e dell’eliambulanza hanno tentanto invano di rianimare la vittima.

Verona Pompiere

Traffico bloccato

La corsia sud dell’autostrada è stata subito bloccata al traffico. La circolazione autostradale è stata interrotta e una lunga coda si è formata in direzione Reggio Calabria. Si attende l’arrivo del magistrato di turno per i rilievi. Sul posto Polstrada e squadre dell’Anas. Non è chiara la dinamica dell’incidente: le forze dell’ordine stanno cercando di determinare come il veicolo in transito abbia potuto investire il lavoratore. Si tratta a tutti gli effetti dell’ennesima morte bianca, un incidente sul luogo di lavoro che probabilmente sarebbe potuto essere evitato migliorando le condizioni di sicurezza dei lavoratori. Ma saranno le indagini a stabilire la dinamica dell’incidente che ha strappato la vita all’operaio 59enne. >> Tutte le news di UrbanPost

Immagine di Quotidiano del Sud.

Israele si ribella al Premier Benjamin Netanyahu e crea il “governo del cambiamento”

Anna Munafò

Anna Munafò ingrassata, il duro sfogo: «Ho preso 28 kg, si vedono e mi sento giudicata»