in

Variante Omicron, Pregliasco: «Non sarà facile decidere…», lo scenario dopo Natale

Arriva quasi come una profezia l’eloquio del professor Fabrizio Pregliasco. In un’intervista alla trasmissione “L’Italia s’è desta” in onda su Radio Cusano Campus l’esperto ha detto la sua sulla variante Omicron, delineando uno scenario tutt’altro che incoraggiante. Cosa ci aspetta? A sentir il virologo le prossime settimane saranno particolarmente difficili.

leggi anche l’articolo —> “Che tempo che fa”, Burioni: «Sui non vaccinati circola una bugia…»

omicron pregliasco

Variante Omicron, Pregliasco: «Non sarà facile…», scenario agghiacciante dopo Natale

“Tra feste, baci e abbracci, disattenzione, abitudine al rischio, dobbiamo prevedere un’ondata dovuta alle feste natalizie, ricordandoci che ogni contatto interpersonale può rappresentare un rischio. Non sarà facile decidere nuove restrizioni, potranno essere prese decisioni un po’ spiacevoli, soprattutto per Capodanno. Non credo che riusciremo ad azzerare, ma a mitigare, a schiacciare la curva, per fare in modo che non sia un picco, ma una collina”. Così ha dichiarato il virologo Fabrizio Pregliasco, ai microfoni de ‘L’Italia s’è desta’ su «Radio Cusano Campus».

pregliasco

«Sembra abbastanza chiaro che Omicron sia molto più contagiosa della variante Delta»

A proposito della variante Omicron, Pregliasco ha rimarcato: “Sembra abbastanza chiaro che sia molto più contagiosa della variante Delta. Quanto possa sfuggire ai vaccini è da confermare. Uno studio australiano dice che con la terza dose la protezione torna a buoni livelli, ma bisogna valutare la cosa step by step”. E ancora: “L’Omicron ci preoccupa, non abbiamo ancora certezza. Ci dobbiamo preoccupare, preparandoci a scenari in considerazione di quello che si verificherà nelle feste. Questo porta ad un’onda che dobbiamo prevedere e dobbiamo farlo con una tempistica che ci permetta di agire prima che i buoi fuggano dalle stalle. Dobbiamo partire dal presupposto che il Covid circola e ogni contatto interpersonale può essere a rischio, dobbiamo gestirli in modo da far sì che non si esageri. E poi la vaccinazione, che è ciò che dobbiamo fare”, la conclusione dell’esperto.

La variante Omicron mette in allarme il governo Draghi. La nuova mutazione si moltiplica molto più velocemente rispetto alla Delta; si teme per un collasso delle terapie intensive. “Siamo preoccupati solo un irresponsabile non lo sarebbe. L’acqua del virus, di questa quarta ondata si alza e noi dobbiamo alzare il livello di attenzione”, le parole del ministro della Salute Speranza. Leggi anche l’articolo —> Galli e la proposta per contenere i contagi da Omicron: non basta il lockdown dei no vax

omicron speranza

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Rapina ai magazzini Sme di Cessalto: commando di 15 ladri ruba furgoni per bloccare le vie di fuga

vaccino covid bambini

Vaccino anti covid nei bambini, il sondaggio: un italiano su due è favorevole