in

«Protetti dall’influenza? Dipende dall’anno di nascita», la conferma da uno studio canadese

Protetti dall’influenza? È anche una questione di date, nello specifico dall’anno di nascita. Sull’Adnkronos è stato rilanciato, a tal proposito, un interessante studio canadese, secondo il quale il tipo di ceppo virale, a cui siamo esposti nella prima infanzia, determina, per il resto della vita, la nostra capacità di contrastare l’influenza. La ricerca alquanto curiosa è frutto della collaborazione tra i ricercatori dell’università di Montreal e della McMaster University, i quali hanno preso in esame una grande quantità di dati relativi alla stagione influenzale 2018-2019.

protetti dall'influenza

«Protetti dall’influenza? Dipende dall’anno di nascita», la conferma da uno studio canadese

Perché una persona è in grado di combattere l’influenza meglio di un’altra? Dipende dall’anno di nascita. La conferma arriva da un recente studio canadese, in cui è stato analizzato un paniere di dati piuttosto ampio riguardante la scorsa stagione influenzale. Preso in esame il 2018-2019 quando due ceppi di influenza A hanno dominato in tempi diversi. Un fatto insolito perché normalmente è solo uno per ogni stagione. Come si legge nello studio pubblicato su ‘Clinical Infectious Diseases’, la relazione dei ricercatori fornisce nuove prove “convincenti” a sostegno dell’ipotesi della cosiddetta «impronta digitale antigenica». Cosa significa? In parole povere l’esposizione precoce a un ceppo di virus influenzale condiziona la nostra immunità e modifica, a vita, significativamente, la risposta del nostro organismo. Nel concreto, pare, ad esempio, che le persone nate durante o poco dopo la pandemia di H3N2 del 1968 siano oggi meglio preparate ad affrontare l’influenza durante le stagioni in cui l’H3N2 è dominante.

protetti dall'influenza

«Importanti implicazioni nel consentire alla Sanità Pubblica di valutare chi può essere più a rischio in un certo anno»

Capirete quanto si riveli di non poco conto tale analisi. «Questo studio potrebbe avere importanti implicazioni nel consentire ai funzionari della Sanità Pubblica di valutare chi può essere più a rischio in un certo anno, a seconda dell’età e dei virus, che hanno dominato al momento della nascita», evidenziano i ricercatori che hanno messo a punto la ricerca. leggi anche l’articolo —> Coronavirus colpisce i testicoli? Ecco quanto c’è di vero

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Ariadna Romero Instagram, abito aderente senza reggiseno: «Che bottoncini!»

teresanna pugliese instagram

Teresanna Pugliese Instagram genuina e verace ai fornelli, scollatura alla Loren: «Mamm e che femmn»