in

Regione Lazio, bonus matrimonio: che cos’è, a chi spetta e come si fa la domanda

Bonus matrimonio – La Regione Lazio ha stanziato 10 milioni di euro per aiutare le giovani coppie italiane e straniere che voglio sposarsi. Ad ogni coppia spetterà un massimo di 2 mila euro per affrontare alcune spese relative al matrimonio. Si potrà beneficiare del bonus sia per le unioni religiose che per quelle civili. Ecco tutti i requisiti di accesso e le scadenze da rispettare per fare la domanda. (Continua a leggere dopo la foto).

 

Bonus matrimonio: che cos’è e quali sono le scadenze

La pandemia ha sicuramento influito negativamente sulle unioni religiose e civili. Nel 2020 infatti, sono stati celebrati in totale 96.841 matrimoni. Stiamo parlando di 87 mila euro in meno rispetto al 2019, in percentuale: -47,4%. Proprio per incentivare le giovani coppie a fare il grande passo, la regione Lazio ha sviluppato un’iniziativa che prende il nome di “Nel Lazio con Amore” con l’intento di dare un rimborso spese a tutti coloro che si uniranno in matrimonio entro il 31 dicembre 2022 a partire dallo scorso 1° gennaio 2022.Il rimborso spese vale anche per tutti i pagamenti effettuati dallo scorso 14 dicembre 2021.

La domanda per accedere al bonus dovrà essere presentata entro il 31 gennaio 2023. Ogni coppia potrà richiedere e beneficiare di 2 mila euro da utilizzare come aiuto economico per coronare il proprio amore.

Quali spese ricopre il bonus e come si fa la richiesta?

L’iniziativa “Nel Lazio con Amore”, nata come rimborso spese per le giovani coppie che punta a far aumentare il numero di unioni civili, stanzia 2 mila euro per ogni futura famiglia. Le spese che si potranno coprire con questo bonus sono: l’acquisto di bomboniere, il noleggio dell’auto di cerimonia e l’acquisto di abiti e accessori sia per lo sposo che per la sposa. Rientrano anche i soldi spesi per gli addobbi floreali e per le spese relative al catering e alla ristorazione, con un tetto massimo di 700 euro.

Anche il viaggio di nozze può essere sovvenzionato fino a 700 euro dal bonus. Rientrano inoltre nella lista dei possibili rimborsi anche il trucco e l’ acconciatura per la sposa, l’affitto delle sale per il ricevimento, il fotografo e i videomaker, l’intrattenimento e l’animazione e il lavoro svolto da un wedding planner. Ovviamente incluse anche le spese per l’acquisto delle fedi nuziali e per la stampa delle partecipazioni.

La domanda per beneficiare del bonus potrà essere inoltrata direttamente dal portale della Regione Lazio cliccando nelle sezione dedicata all’iniziativa. Ad ogni coppia però, viene chiesto di scegliere dall’elenco sopra citato, soltanto cinque punti da convenzionare con i 2 mila euro stanziati. 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

1 aprile freedom day

1° aprile sarà il «freedom day»? La road map del governo: non solo addio al Green Pass

incidente desenzano del garda

Incidente in A4, nei pressi di Desenzano del Garda: furgone schiacciato tra due camion